Il marchingegno che svela la personalità

Il Misuratore del Potenziale Quantico è una specie di bilancia dell'intelligenza emozionale, ossia una macchina che traduce in atteggiamenti positivi le nostre emozioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-08-2007]

qpm

Si chima Quantic Potential Measurement, ossia Misuratore del Potenziale Quantico, che per i non addetti ai lavori potrebbe tradursi come bilancia dell'intelligenza emozionale; cioè la capacità di gestire e tradurre in atteggiamenti positivi le nostre emozioni.

Stando agli inventori, la macchina sarebbe in grado di ricostruire nel giro di una manciata di minuti il profilo psico-biologico del soggetto in esame, basandosi sulla "interdipendenza dei tessuti umani" (qualsiasi cosa voglia dire) e determinando nel bene e nel male gli aspetti principali del carattere e la resistenza allo stress.

Concretamente, si tratterebbe di un computer dotato di un programma di simulazione di un organismo umano, interfacciato con piastre metalliche sulle quali appoggiare (da seduti) mani e piedi nudi; insomma una riedizione dell'elettropsicometro di Hubbard che pare sia impiegato correntemente da Scientology per valutare lo stato mentale degli adepti.

Senza esprimere giudizi in merito non avendone la necessaria competenza, vale tuttavia la pena di richiamare l'attenzione sul noto effetto Barnum e spendere due parole sugli inventori del marchingegno, tali Hervé Moskovakis, Jean-Luc Ayon e Patric Visier.

Il primo è un genio (parzialmente incompreso) in fisica ed elettronica mirate alla visualizzazione dei corpi energetici; vale a dire, se non difettiamo nell'interpretazione, che è un conoscitore di quell'effetto Kirlian, noto a tutti i fotografi cresciuti nell'analogico.

Ayon è invece medico specializzato in agopuntura e sedicente esperto in sviluppo della personalità, autore tra l'altro di un'opera sulla medicina karmica avente per oggetto la visualizzazione dei corpi energetici. Alle menti si affianca ovviamente il braccio, poiché monsieur Visier sembra sia uno specialista del marketing online.

Quanto all'aspetto del QPM, speriamo che in futuro si evolva introducendo una cuffietta con elettrodi applicati alle tempie; a prescindere dallo sgradevole richiamo alla sedia elettrica, chissà che per i soggetti all'esame l'effetto Barnum non si tramuti almeno in un effetto brainstorm.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Queste "scoperte" border line, cioè sul confine tra neuro-psico biologia e new age, sono da un lato spassose: il desiderio di poter conoscere l'animo dei nostri interlocutori senza la fatica di una relazione "umana", e dall'altro pericolosi: immagino già stuoli di responsabili aziendali delle HR che corrono ad... Leggi tutto
30-8-2007 11:52

{Giambattista}
Quanto costa? Leggi tutto
29-8-2007 09:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (383 voti)
Ottobre 2021
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 17 ottobre


web metrics