La giustizia a due velocità della Cina

Indifferente alle indagini del Congresso USA sul seguito delle "confidenze" di Yahoo! nella vicenda Shi Tao, i maggiori motori di ricerca siglano un accordo per proteggere gli interessi dello Stato cinese.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-08-2007]

yuan e dollari

Tutti ricorderanno la storia di Shi Tao, il redattore di un giornale locale condannato nel 2004 dal governo cinese a seguito di una email fornita da Yahoo! su richiesta ufficiale dei responsabili politici di quello Stato; sorte per altro seguita da Wang Xiaoning, altro dissidente condannato a causa delle informazioni personali fornite sempre da Yahoo!.

Per questi eventi, le vertenze giudiziarie intentate dai familiari di ambedue, davanti ai tribunali californiani sono ferme da tempo, senza che se ne possa divinare la definizione.

La posizione di Yahoo! è estremamente delicata, perché oltre tutto nel caso di Shi Tao pare che i responsabili abbiano falsamente deposto di non conoscere i motivi per cui veniva loro richiesto il testo dell'email in questione. Negli USA, questo costituisce un reato federale suscettibile di serissime conseguenze. Ma anche in questo caso tutto sembra arenarsi di fronte alle ragioni dei mercati.

Per questo, in barba alle severe leggi USA sulla privacy e incurante dell'indagine federale, Yahoo! ha siglato un accordo con Microsoft e altri gestori di contenuti di minor importanza, avente per oggetto l'autoregolamentazione sui contenuti dei vari blog nell'intento di scoraggiare i dissidenti del governo cinese permettendo alle autorità di identificare i responsabili.

Ovviamente il tutto è avvenuto su pressione dei politici di quel paese, ma -occorre rilevarlo- nella totale indifferenza dei Dipartimenti USA interessati, dalla Giustizia ai Garanti della privacy e del commercio, ai quali forse fa comodo nascondersi dietro le pretestuose e vaghe accuse di sovversione, parola magica che ormai permette di giustificare ogni possibile illecito.

Reporters Sans Frontières (RSF) lamenta che dopo aver costretto alla collaborazione i gestori dei siti internet e le imprese alla autodisciplina, ora anche i gestori dei blog siano stati incoraggiati a identificare i blogger, conservando le informazioni e fornendole a richiesta alle autorità competenti.

La nuova ondata di repressione e censura viene spesso erroneamente presentata come un eccesso dovuto all'approssimarsi dei Giochi Olimpici, evento al quale la Cina vorrebbe presentarsi come un felice connubio di capitalismo e socialismo di stato; ma le esecuzioni di pene capitali continuano senza nemmeno dar l'impressione di voler decrescere (di eliminarle completamente non se ne parla).

Né vanno sottovalutati i casi di ricovero forzato di dissidenti negli ospedali psichiatrici (emblematico quello di He Weihua, un blogger internato per ever auspicato il crollo del partito comunista) o delle persecuzioni incarcerazioni o peggio di religiosi o anche di comuni cittadini in qualche modo visti come fuori dal coro, come ad esempio i milioni di praticanti il Taiji Quan o il Qi Gong.

Forse banalizzando (ma non troppo) vale anche la pena di ricordare che la Cina è in forte espansione non solo sul mercato dei prodotti industriali ma anche in quello pubblicitario: dando credito alle proiezioni di Analysys International di Pechino nel giro di un triennio il business di Internet potrebbe aggirarsi su quasi 600 milioni di dollari.

Pertanto la black list dei siti internet oscurati da Google o i 10 anni di carcere appioppati a un dissidente potrebbero ben valere qualche sacrificio sul piano della coscienza, ammettendo che i vari responsabili di marketing ne abbiano mai avuta una.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Qual'è la giustizia vera? quella divina? :D Leggi tutto
30-8-2007 09:42

{MaXXX}
Che oscenità.... davanti al denaro spesso la legge è un inganno...Speriamo nella giustizia quella vera perchè ci sono parecchie persone che l'hanno infranta in questa storia e non sono gli arrestati attuali.
27-8-2007 16:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3986 voti)
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 novembre


web metrics