KOffice alla conquista di Windows

La prossima versione della suite da ufficio del progetto Kde mira a conquistare anche gli utenti di Windows.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-10-2007]

Foto di Sanja Gjenero

Non è noto o supportato da grandi nomi quanto OpenOffice, ma ha una comunità di sviluppatori agguerrita e numerosi utenti affezionati.

KOffice, la suite che si pone fianco a fianco di OpenOffice e Microsoft Office, è parte del progetto Kde e si sta avvicinando alla versione 2.0, prevista per la prima metà del 2008.

Come l'imminente nuovo rilascio di Kde sarà basato sulla versione 4 delle librerie Qt, e sarà anche un prodotto multipiattaforma. Ciò signica che da parte del team di sviluppatori c'è l'intenzione di vederlo funzionare anche sotto Windows, nonostante l'opposizione di chi vorrebbe vedere il software libero non girare al di sopra di un sistema operativo proprietario.

Come dice Sebastian Kugler, tra i punti di forza di questa suite c'è il fatto che "KOffice è molto più leggero (di OpenOffice, n.d.r.)" e "gode di una maggiore pulizia del codice". Kugler aggiunge: "Avere una base di codice pulita fa sì che colmare le differenze tra OpenOffice e KOffice e implementare modi nuovi e innovativi per lavorare sia molto più facile. KOffice è anche molto meno esigente in termini di risorse di sistema richieste".

KOffice si compone di 11 applicazioni, che spaziano dall'elaborazione testi (KWord) ai database (Kexi) alla manipolazione di immagini (Krita). Inoltre supporta il formato OpenDocument, recentemente diventato standard ISO, sebbene il supporto completo sia atteso per la versione 2.0; al contrario, non ci sono piani per supportare il formato Ooxml di Microsoft, cosa che potrebbe rendere difficoltoso lo scambio di documenti con piattaforme Windows.

Insieme al previsto porting di KMail verso Windows, quando uscirà KOffice 2.0 potrà essere un incentivo in più per chi volesse passare al software libero, o per chi semplicemente non necessiti delle costose e per l'utente medio inutili funzionalità delle soluzioni proprietarie.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Non lo ritengo sbagliato neppure io: questa lotta ideologica cieca e fanatica lascia il tempo che trova. Alla gente dovrebbe interessare il software, di qualunque natura, che serva a risolvere i propri problemi. Speriamo che KOffice 2 arrivi presto su Windows, perché OpenOffice fa proprio pena come alternativa a Office.
11-10-2007 09:09

Speriamo che il giorno di Koffice 2.0 in windows non sia troppo lontano. Non fosse altro per la abiltà di Kword nel convertire in testo i files Pdf. Inoltre è indubbiamente più leggero di Open office e se arriverà a dei livelli di features paragonabili sicuramente ci sarà un'altra carta da giocare per l' open source. Non ritengo... Leggi tutto
11-10-2007 00:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3682 voti)
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics