Red Hat e Novell chiamate in causa per un brevetto software

Le due maggiori aziende legate a Linux sono state accusate di infrangere un brevetto del 1991.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-10-2007]

Foto di Marcelo Gerpe

Dopo tutto il parlare che si è fatto ultimamente sulla questione dei brevetti software, pareva scontato che qualcuno ci provasse.

La Ip Innovation LLC ha chiamato in causa Red Hat e Novell per aver infranto il brevetto 5.072.412, che riguarda un'interfaccia utente con spazi di lavoro multipli, assegnato nel 1991 alla Xerox che lo aveva richiesto nel 1987.

Giusto per notare come vanno queste cose, una breve ricerca porta a scoprire che la Ip Innovation è una sussidiaria della Acacia la quale, secondo il blog Patent Troll Tracker, ha come scopo nella vita aprire cause per questioni di brevetto contro diverse compagnie.

Attualmente, sempre secondo quel blog, Acacia avrebbe 231 cause in corso, direttamente o attraverso una delle sue 36 sussidiarie.

Secondo diversi commentatori, il brevetto in questione è piuttosto debole e la faccenda dovrebbe risolversi tranquillamente invocando il principio della prior art, per cui le informazioni oggetto di brevetto erano già a disposizione del pubblico prima della richiesta del brevetto stesso, che perde quindi la caratteristica fondamentale dell'originalità.

Resta tuttavia il fatto che, in un modo o nell'altro, qualcuno cerchi ancora di gettare fango sull'open source, negandone i contributi originali e facendone dei parassiti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Grazie. Anche io spesso sono in disaccordo con cdimauro (ma anche con altri, dico...) ed è mio diritto esserlo, come è tuo diritto... quindi ben venga il confronto, ma facciamo che sia educato e rispettoso dell'altro. Buona permanenza :) Leggi tutto
17-10-2007 09:57

Quindi, riassumendo: DI RECENTE alcuni dipendenti MS vanno a lavorare in Acacia e già quest'ultima è diventata sussidiaria di MS? Visto che tanti dipendenti di MS sono andati a lavorare in Google, allora Google è diventata sussidiaria di MS? Poi da notare che quelle informazioni provengono da un blog... :roll: Leggi tutto
17-10-2007 06:50

Allora limitiamoci ai fatti! Leggi tutto
17-10-2007 00:29

E nemmeno cosi'. Questo e' davvero l'ultimo avviso. Leggi tutto
16-10-2007 23:55

Mi rendo conto soltanto di questo: Hai detto che: - dietro Acacia si nasconde MS ed è falso; - LZ77 e LZ78 sono varianti di LZW quando è l'esatto contrario (LZW deriva da LZ78 per la precisione); - i desktop virtuali non esistono in Windows quando DA ANNI MS mette a disposizione un programmino gratuito, scaricabile dal suo sito, per... Leggi tutto
16-10-2007 23:34

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1918 voti)
Dicembre 2021
La rinascita della stampante
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 dicembre


web metrics