La jihad elettronica è multilivello

I seguaci di bin Laden annunciano l'inizio della guerra santa telematica e diffondono i tool per creare malware, con premi per chi porta altri militanti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-11-2007]

terrorista

Gli attivisti della cella terroristica Al Qaeda hanno annunciato per domenica 11 novembre l'inizio della Electronic-Jihad contro gli "infedeli", in particolare contro gli Stati Uniti d'America, Europa, Israele e i paesi sciiti.

Per quel giorno era stato annunciato un attacco contro 15 siti web importanti già prescelti, tra cui anche un sito di Intelligence americana. Successivamente, centinaia di migliaia di pirati informatici attaccheranno un grande numero di imprecisati siti web anti-musulmani.

La data è passata e non si segnalano particolari attacchi. Forse qualcosa è andato storto, o forse è tutto solo rimandato.

Un portavoce di Al Qaeda ha annunciato che l'organizzazione dispone di un network di posta elettronica impenetrabile. Secondo questa dichiarazione, grazie a questa rete i terroristi otterrebbero la collaborazione di tutti gli esperti informatici che vorrebbero prendere parte alla "guerra elettronica". Su alcuni siti web islamici sono già pubblicate le dettagliatissime istruzioni per gli aspiranti hacker.

I seguaci di Al Qaeda sottolineano che l'attacco sarà solamente una risposta ai servizi di Intelligence occidentali, che trovano e bloccano le internet-risorse appartenenti all'organizzazione terroristica.

Gli esperti di sicurezza hanno trovato in rete un programma che effettivamente potrebbe essere usato per l'organizzazione degli attacchi mirati. Il pericolo di questa applicazione, denominata Electronic Jihad 3.0, sta proprio nel fatto che è di semplicissimo utilizzo, adatto anche per i non professionisti.

Una volta installato, il programma si connette a un apposito sito web che coordina gli attacchi. Inoltre gli utilizzatori più fedeli che riescono a portare altri partecipanti guadagnerebbero anche dei punti bonus, come se fosse una catena di multilevel marketing.

Gli esperti di sicurezza informatica però sono scettici. "E' solamente un strumento creato da dilettanti. La rete è piena di aspiranti cyber-terroristi che defacciano i siti web e organizzano attacchi di tipo distributed denial of service per motivi politici".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'Isis dichiara guerra a Twitter

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi comportamenti ritieni che sia da evitare in assoluto?
Essere fuori sincrono: quando voce, tono, ritmo, posizione e movimenti non comunicano la stessa cosa si genera confusione e si viene ritenuti poco affidabili o sinceri.
Gesticolare eccessivamente: fare ampi gesti con le mani oppure giocare per esempio con i capelli o il telefono comunica insicurezza.
Tenere un'espressione neutra: la mancanza di un feedback dato dall'espressione facciale fa pensare all'interlocutore che l'argomento non interessi.
Evitare il contatto visivo: non guardare l'altro negli occhi comunica una sensazione di debolezza e lascia pensare che si stia nascondendo qualcosa.
Sbagliare la stretta di mano: non deve essere né troppo debole né troppo forte, o genererà in entrambi i casi un'impressione errata (servilismo o aggressività).
Inviare segnali verbali e non verbali opposti: se l'espressione facciale è opposta a ciò che le parole dicono, l'interlocutore non si fiderà.
Non sorridere: il sorriso comunica sicurezza, apertura, calore ed energia, e spinge a sorridere di rimando. Ugualmente errato sorridere sempre.
Roteare gli occhi: è un segno di frustrazione, esasperazione e fastidio; comunica aggressività.
Usare il cellulare durante una conversazione: lascia pensare che l'argomento non interessi e sia certamente meno importante dell'oggetto tra le mani.
Incrociare le braccia: l'interlocutore penserà che siamo sulla difensiva. Inoltre, se le mani non sono in vista crederà che abbiamo qualcosa da nascondere.

Mostra i risultati (1512 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics