Stallman: Gnome si opponga a Ooxml

Forte del sostegno degli sviluppatore di KOffice, suite che non supporterà il formato Xml di Microsoft, Richard Stallman invita Gnome a opporsi con altrettanta fierezza. Gnome, però, non ci sta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-12-2007]

Richard Stallman

Koffice 2, la suite per l'ufficio del progetto Kde, non supporterà Ooxml, il formato Xml di Microsoft che sta cercando di farsi approvare come standard Iso.

La notizia è data dagli sviluppatori stessi sul sito Kde.News e, in sé, potrebbe non destare grande meraviglia: chi c'è dietro a KOffice sta lavorando alacremente per migliorare e completare il supporto a Odf, che è già standard Iso.

Inoltre, stando alle parole degli sviluppatori stessi, Ooxml è uno standard "enorme, molto complesso e in buona parte le specifiche sono scritte così male che un'implementazione completa sarebbe probabilmente persino più difficile che implementare il vecchio formato binario Microsoft".

A ciò, continuano, bisogna aggiungere il "peso dei brevetti" e i problemi derivanti dagli elementi coperti da copyright. Per cui, in sostanza, si preferisce concentrarsi "nel rendere KOffice un ottimo insieme di applicazioni che soddisfino chi le usa e chi le sviluppa".

Questa presa di posizione, in sé limitata agli utenti Linux che usano KOffice almeno finché non sarà pronto il porting su Windows, ha però sollevato l'interesse di Richard Stallman, il quale, in una mail, ha invitato gli sviluppatori di Gnome a unirsi a quelli di Kde nell'opposizione a Ooxml.

In casa Gnome, però, la situazione è piuttosto differente. Il fondatore, Miguel De Icaza, aveva già espresso tempo fa il proprio apprezzamento verso il formato di Microsoft, e gli sviluppatori sembrano seguirlo.

In risposta all'email di Stallman, infatti, Behdad Esfahbod risponde che Gnome, così come OpenOffice.org, è interessato a implementare Ooxml, "che sia standard oppure no". Il motivo? "Concede ai nostri utenti di abbandonare Microsoft Office".

Esfahbod riconosce la carenza della documentazione fornita da Microsoft, tuttavia ritiene che sia più utile usare le loro stesse armi per sottrarre utenti.

Stallman non sembra aver preso bene la risposta al proprio invito e ha reagito sottolineando l'importanza di opporsi all'approvazione di Ooxml da parte di Iso.

Nell'ambiente Open Source, purtroppo spesso le guerre di opinione scoppiano facilmente, e la rivalità tra i sostenitori di Gnome e quelli di Kde non si è mai del tutto spenta. Queste prese di posizione la riaccenderanno?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

per quanto mi riguarda sfondi una porta aperta: sto scrivendo da Opera su una linuxbox con una favolosa ubuntu gutsy ripiena di cose di lavoro (si, sono al lavoro con una linuxbox e in ufficio mi invidiano tutti) in formato aperto. ODF, SVG, XCF. Mi maledicono tutti perché non installo linux pure sul loro :lol: Lo farò appena mi... Leggi tutto
14-12-2007 15:37

Concordo con longinous.. Poi.. scusate.. Ma dobbiamo proprio volerci tanto male per continuare a salvare i documenti in un formato proprietario, quando si ha a disposizione un formato libero che è classificato standard ISO.. (anzi.. ne abbiamo due.. ODF e PDF..)! Mi direte: MS Office però non salva in quei formati.. E non è vero..!... Leggi tutto
14-12-2007 11:59

intendi dire "strumenti->opzioni->carica/salva->generale->formato file standard"? eh si, c'è già implementato, ma morire se qualcuno guarda! Leggi tutto
14-12-2007 09:12

Abbassarsi al livello di MS? Leggi tutto
12-12-2007 18:39

{utente anonimo}
Bisogna essere uniti Leggi tutto
12-12-2007 15:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (357 voti)
Luglio 2020
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Tutti gli Arretrati


web metrics