Dai blog nasce l'economia della felicità

Luca De Biase in un appassionante saggio ci presenta un modello nuovo di economia, con al centro la persona.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-12-2007]

euri

Tutti hanno ancora nel cuore le immagini strazianti del dolore dei familiari delle vittime della strage all'acciaieria TyssenKrupp di Torino, il silenzio gelido di trentamila persone che faceva più impressione di poche grida di rabbia.

Nella Torino digitale dell'innovazione un dramma antico, quasi da paese del terzo mondo: in una fabbrica in chiusura, operai sottopagati e soggetti a superorari muoiono bruciati, anche a causa di estintori vuoti e sistemi antincendio inesistenti. Una multinazionale con utili e dividendi formidabili che produce anche morte e dolore, spezza giovani vite.

E' questo il modello di economia che si basa solo sul mito della crescita quantitativa, dell'esasperiazione economicistica, del profitto per il profitto, che dimentica gli uomini concreti in nome di un'ideologia del mercato, quella che critica il noto web-journalist Luca De Biase, nel suo ultimo ed appena uscito saggio dal titolo Economia della felicità- Dalla blogosfera al valore del dono e oltre, edito da Feltrinelli.

Un libro che nasce dal blog stesso di De Biase, in cui l'autore ha condiviso, valorizzato e costruito con decine di blogger queste analisi. Il materialismo della globalizzazione non è però radicalmente criticato, seguendo vecchi schemi ideologici classisti o marxisti, ma a partire dalla realtà concreta di condivisione e cooperazione che la blogsfera rappresenta oggi e non domani, dai valori del dono e della gratuità su cui si basa la comunità dei blogger.

De Biase cita Amayrta Sen, l'economista indiano, come guru di un'economia non violenta, un'economia dolce, che non punta tutto sulla crescita del Pil, ecologicamente e umanisticamente sostenibile. Ritrova questa economia dolce proprio nei blog: "Il tempo è la risorsa scarsa per eccellenza, oggi. E la ricchezza per eccellenza è il tempo gratuito dedicato alle relazioni con le persone. Le relazioni con le persone e la qualità gratuita della bellezza, della verità, dell'equità delle relazioni con il mondo sono gli elementi del processo che più di ogni altro sembra legato alla ricerca della felicità. I nuovi media, tutti fondamentalmente basati sulla nozione di relazioni gratuite con le persone, dai blog ai network sociali, dagli Sms ai sistemi di messaggistica istantanea, rispondono strutturalmente meglio della televisione al bisogno latente di ricerca della felicità".

Il libro ci dimostra quindi come la Tv, strumento sul cui controllo gioca ancora tanta parte della politica e dell'economia italiana, sia già vecchia e marginale per le nuove generazioni rispetto alla Rete, e come questa sia una grande speranza per il futuro. La Rete, l'innovazione digitale diventa quindi una grande chance per l'Italia di sottrarsi al determinismo tecnologico e ricentrarsi sulle persone anche per l'economia. Come sempre De Biase ci offre un contributo creativo, non banale, estremamente stimolante, che meriterebbe maggiore attenzione da parte di forze politiche e sociali che non vogliano continuare a ripetere stanche e inadeguate analisi.

Scheda
Titolo: Economia della felicità
Sottotitolo: Dalla blogsfera al valore del dono e oltre
Autore: Luca De Biase
Editore: Feltrinelli
Prezzo:13,50 euro

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (1)

Luca De Biase in un appassionante saggio ci presenta un modello nuovo di economia, con al centro la persona. recensione molto interessante :) sottolineo questa parte dell'articolo: "Un libro che nasce dal blog stesso di De Biase, in cui l'autore ha condiviso, valorizzato e costruito con decine di blogger queste analisi. Il... Leggi tutto
19-12-2007 18:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che cosa utilizzi prevalentemente per la posta elettronica?
Una webmail
Un client di posta
Entrambi

Mostra i risultati (2765 voti)
Febbraio 2021
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Fregare Big Pharma con il vaccino
Alternative a WhatsApp
Tutti gli Arretrati


web metrics