Opera denuncia Microsoft all'Unione Europea

La software house norvegese accusa Microsoft di non rispettare gli standard del Web e di abusare della propria posizione dominante nel settore dei browser.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-12-2007]

La guerra dei browser continua

Probabilmente c'era da aspettarselo: dopo la condanna europea, motivata dall'abuso di posizione dominante per l'inserzione di Media Player in Windows, qualcuno prova ad approfittare dell'atteggiamento non proprio favorevole a Microsoft della Commissione Europea.

Si tratta di Opera Software, casa norvegese che produce il browser omonimo, la quale ha presentato un'azione antitrust contro Microsoft, sostenendo che la fornitura di Internet Explorer in bundle con il sistema operativo rappresenti ancora un caso di concorrenza sleale.

Inoltre, Opera accusa Microsoft di supportare gli standard Web soltanto a parole mentre nei fatti il supporto a Css, Xhtml e Dom è nella migliore delle ipotesi carente. Ciò andrebbe a ostacolare l'interoperabilità e la possibilità per gli utenti di scegliere tra prodotti equivalenti.

"Microsoft sta abusando della propria posizione dominante legando il proprio browser, Internet Explorer, al sistema operativo Windows e ostacolando l'interoperabilità non seguendo gli standard Web. Opera ha chiesto alla commissione di intraprendere le azioni necessarie per costringere Microsoft a fornire ai consumatori una scelta vera e a supportare gli standard Web aperti in Internet Explorer".

Le analogie con il procedimento conclusosi con la condanna di Microsoft sono più che evidenti: là il software in questione era Windows Media Player; qui Internet Explorer. Là si accusava Microsoft di ostacolare l'interoperabilità non divulgando i particolari necessari a terze parti per interagire con Windows; qui si accusa Microsoft di ostacolare l'interoperabilità non rispettando gli standard comunemente accettati nel World Wide Web.

Il Cto di Opera, Hakon Wium Lie, sostiene però che il punto principale non riguarda l'integrazione di Internet Explorer con il sistema operativo, quanto la mancata adesione agli standard: "Microsoft spesso partecipa e perfino promette di supportare questi standard, ma spesso vediamo che poi questo non succede".

Dal momento che Microsoft gode di posizione dominante nel settore dei browser e non supporta gli standard, "noi lavoriamo invano sugli standard e non possiamo usare quelle specifiche".

Se chiedere a Microsoft di rispettare gli standard generalmente accettati sembra più che legittimo, costringerla a scorporare Internet Explorer o a preinstallare anche dei browser alternativi pare proprio una mossa che sfrutta semplicemente "l'effetto Media Player". Una cosa di cui un buon browser come Opera non ha certo bisogno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Bella storia, ma cosa c'entra con quanto ho scritto? [-(
16-12-2007 00:31

Chi ha saccheggiato chi? Leggi tutto
15-12-2007 16:30

Non mi risulta. In principio fu Netscape. Successivamente, il progettista di Netscape decise di rendere open il codice sorgente incontrando l'opposizione dei suoi collaboratori; alla fine ci fu la scissione: Netscape open source da una parte e Netscape closed source (rinominato Mosaic) dall'altra. Mosaic venne acquisito dalla... Leggi tutto
15-12-2007 16:29

Essendo un felice utente di Opera praticamente da sempre non posso che appoggiare in toto questa sacrosanta presa di posizione: Ť semplicemente indegno l'utilizzo che Microsoft fa del proprio browser, costantemente sottoposto a minacce di sicurezza (in parte volute?) per il solo scopo di costringere gli sviluppatori web a legarsi al suo... Leggi tutto
15-12-2007 13:12

Se M$ rispettasse almeno gli standard ... Leggi tutto
15-12-2007 00:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali tra queste informazioni ti piacerebbe che fossero rese pubbliche?
I provvedimenti sanitari relativi a bar, ristoranti e altri locali pubblici.
Il casellario giudiziale con le fedine penali dei cittadini.
Le valutazioni sulle performance degli insegnanti scolastici e dei professori universitari.
Le transazioni immobiliari effettuate da ciascun cittadino.
I mutui accesi da ciascun cittadino.
Le dichiarazioni dei redditi di ciascun cittadino.

Mostra i risultati (1849 voti)
Ottobre 2019
MacOS Catalina, controllate le applicazioni prima di migrare
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Tutti gli Arretrati


web metrics