Sony venderà musica senza Drm

Il successo dei brani liberi da lucchetti digitali spinge anche Sony a proporre brani Drm-free, ma sono troppo pochi e inutilmente complicati da ottenere.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-01-2008]

Quando si associano Sony e Drm nella stessa frase, la maggior parte della gente storce il naso, a meno che non faccia parte del battaglione di avvocati della società.

Sony Bmg è, infatti, strenuo difensore delle politiche di gestione dei diritti digitali, e probabilmente sogna l'abolizione di legislazioni sovversive come quelle che prevedono il fair use.

D'altra parte, la concorrenza si sta invece rendendo conto quanto la presenza di lucchetti digitali faccia male agli affari.

Apple, per esempio, da maggio offre brani della Emi non protetti acquistabili allo stesso prezzo di quelli protetti (sebbene all'inizio fossero leggermente più costosi). Amazon segue da settembre una politica analoga, e da dicembre anche Warner si è unita al gruppo di chi ha in parte lasciato il Drm.

Ora probabilmente alla Sony si sono accorti che, se gente di questo calibro rinuncia al Drm, qualche buon motivo ci deve essere; però l'hanno fatto alla loro maniera, complicando per qualche ignoto motivo la vita all'utente che voglia acquistare brani Sony non protetti, e fornendo una biblioteca "libera" piuttosto misera.

Solo 37, infatti, sono gli album liberati dalle protezioni, ma forse non è questa la cosa più strana, sebbene sia palese il fatto che la concorrenza sia decisamente più fornita (la sola Amazon mette a disposizione quasi tre milioni di brani).

Un affezionato cliente di Sony determinato a scaricare l'album "Blackout" di Britney Spears (uno dei magnifici 37), dovrà innanzitutto dotarsi di un Platinum MusicPass, acquistabile in uno dei 4.500 rivenditori autorizzati presenti sul territorio americano, al prezzo di 12,99 $.

Come per una ricarica telefonica, il volenteroso compratore dovrà rimuovere la striscia argentata e ottenere così un codice segreto, grazie al quale - tornato a casa e postosi davanti al Pc - potrà scaricare l'agognato album in formato Mp3.

Per ora il servizio, attivo dal 15 gennaio, sarà utilizzabile solo dagli Stati Uniti e successivamente verrà esteso al Canada. In Europa, quindi, al momento possiamo soltanto goderci lo spettacolo.

Secondo Sony, questo modello ibrido (prima di poter scaricare occorre passare da un negozio "vero") aumenterà le vendite di musica, sia in formato digitale che distribuita sui media tradizionali.

L'impressione che tale iniziativa dà, invece, è di un goffo tentativo di entrare a far parte dei "buoni", dopo che passate iniziative poco trasparenti a sostegno del Drm hanno messo Sony Bmg decisamente in cattiva luce.

Perché poi il contorto modello partorito da Sony - che non pare aver inteso il significato dell'aggettivo "digitale" - debba avere successo, risollevando addirittura le perennemente in crisi vendite di musica, resta abbastanza misterioso.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa fai se non usi un'applicazione da molto tempo?
La lascio nel dispositivo, potrei averne bisogno un giorno
La eliminano. Quando ne avrò bisogno, la scaricherò di nuovo

Mostra i risultati (1137 voti)
Ottobre 2019
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Tutti gli Arretrati


web metrics