Un milione di utenti passa da Office a OpenOffice

Secondo il Plio ben un milione di persone avrebbe scaricato la versione trial di Office 2007 e, non trovandosi bene, sarebbe passato a OpenOffice.org.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-01-2008]

Logo di OpenOffice.org

Secondo quanto riportato da TuxJournal, il Plio avrebbe rivelato una interessante coincidenza tra il numero degli utenti italiani che hanno scaricato la versione di prova di Microsoft Office 2007 e quelli che hanno scaricato OpenOffice.org.

L'anno scorso, infatti, l'ultima versione della suite di Microsoft per l'ufficio è stata provata da circa un milione di persone (la fonte è un comunicato stampa di Microsoft Italia stessa); la medesima cifra, curiosamente, indica quante persone hanno deciso di scaricare OpenOffice.

Secondo il presidente del Plio (l'associazione che cura la traduzione di OpenOffice nella nostra lingua), non si può trattare di una semplice coincidenza: il milione di utenti che ha portato i download dagli 800.000 del 2006 al 1.800.000 del 2007 è proprio quel milione di utenti che ha provato Office 2007 e non ne è rimasto affascinato.

L'ipotesi avanzata per spiegare l'abbandono indica come responsabile il drastico cambiamento che ha investito l'interfaccia del prodotto proprietario; al contrario, la suite open source ha mantenuto un aspetto più familiare, che avrebbe quindi convinto tutta quella gente a traslocare in massa.

Si tratta in definitiva di un'idea interessante ma difficilmente verificabile. Il dato certo riguarda l'aumento delle persone attratte da una soluzione libera e, soprattutto, non legata a formati proprietari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Per cambiare una macro intendo sostituirla completamente con una nuova, cancellarla, metterne un'altra in un altra nuova, modificarne una parte. (E' per questo che i risultati sono stati sconvolgenti..). Da notare che, riportando il file su MS Office, lo abbiamo nuovamente modificato e tutto funzionava. Concordo con quello che... Leggi tutto
29-1-2008 10:40

un anno fa ho acquistato un pc nuovo e ci ho messo ooffice. non ho mai avuto problemi su vecchi files, anche molto vecchi, nè su cose che mi arrivano via mail oaltri suppori. preciso che non uso access e non ho mai fatto macro
29-1-2008 09:48

i problemi di compatibilità non sono semplicemente tra MS Office e Ooo ma anche tra MS Office 2007 e MS Office 2003, per esempio, e ancora peggio con le versioni precedenti. Restare ancorati alla suite MS non garantisce proprio nulla: fra alcuni anni dovrai comprare una nuova licenza che ti permetta di restare al passo, altrimenti... Leggi tutto
29-1-2008 09:05

si ma il dunque sta nella modifica che hai fatto alle macro... o non capisco io? :roll:
28-1-2008 22:41

Guarda proprio nessuna capacità.. Mi sono fatto copia (legale e richiesta/concessa) di alcuni documenti (fogli XLS) molto complessi. Li ho aperti con OOffice, ed ho provato a modificare le macro ed altri dati.. (non ti dico il risultato nei dati.. :oops: ). Li ho salvati e riportati ai legittimi proprietari che li hanno riaperti e... Leggi tutto
28-1-2008 21:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1878 voti)
Luglio 2020
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Tutti gli Arretrati


web metrics