Si litiga ancora su OOXML

Entro fine mese l'ente internazionale che sovraintende agli standard (ISO) dovrebbe pronunciarsi sulla normalizzazione dell'Office Open XML di Microsoft.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-02-2008]

OOXML, lo standard proposto da Microsoft, nonostante alcune promesse e poche aperture effettive, è e resta un formato proprietario; per cui il riconoscimento più che un'ambizione rappresenta una questione vitale per il gigante di Redmond.

Entro il 29 di febbraio l'ISO dovrà pronunciarsi sull'accoglimento mentre da parte di Microsoft si moltiplicano le pressioni a tutti i livelli, politici e istituzionali ma già la Francia, nonostante le risorse messe a disposizione dal gigante USA ad università, ministeri e governi dipartimentali, ha già inflitto un severo smacco agli eredi di Zio Bill votando -sia pure con qualche incertezza- per il no.

Sinora in ambito ISO dichiaratamente favorevoli si sono dimostrati soltanto le grandi aziende USA e, per l'Europa, la sola Germania; decisamente contrari invece Brasile, India, Cina e Nuova Zelanda; altri partecipanti si sono mostrati assai tiepidi nei confronti di Microsoft, auspicando un "avvicinamento al formato Open Document", già dichiarato standard dall'organismo internazionale.

In effetti la suite di programmi per l'ufficio OpenOffice, che genera archivi in formato aperto, nuoce gravemente a Microsoft; tanto sul piano dell'immagine quanto su quello prettamente commerciale specie se si tiene conto della tendenza in atto che sembra privilegiare sistemi operativi e programmi open e soprattutto gratuiti, con notevoli vantaggi in termini di budget e di sicurezza.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

non capisco la necessitÓ di un altro fomato ISO e soprattutto, perchŔ da Redmond dovrebbe richiederlo, se tanto sono convinti che sono i soli ganzi esistenti al mondo... ed Ŕ fantastico come il governo USA spenda soldi dei contribuoenti per favorire MS. (ma la US postal non era passata a linux?) chissÓ... forse sentono vicina a fine... Leggi tutto
14-2-2008 00:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Facebook Ŕ un gran bel social network, per˛...
... genera dipendenza e condiziona la mia vita reale.
... mi rende pi¨ ansioso o pi¨ depresso del solito.
... non c'Ŕ nessun "per˛".
... non lo uso.

Mostra i risultati (2391 voti)
Febbraio 2020
Il primo smartphone con Windows 10
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics