Intel presenta Atom ma incasserà meno del previsto

La nuova piattaforma di Intel per gli emuli dell'Asus Eee Pc avrà una Cpu dalle dimensioni ridotte e dai minimi consumi, mentre il prezzo delle memorie flash incide negativamente sul bilancio della compagnia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-03-2008]

Intel presenta Atom, Cpu a basso consumo

Intel ha svelato il futuro di Silverthorne, il processore ideato per i dispositivi ultraportatili di cui abbiamo parlato non molto tempo fa.

La nuova famiglia di processori, che dunque comprende le Cpu finora note coi nomi in codice Silverthorne e Diamondville, si chiamerà ufficialmente Intel Atom e sarà il cuore della piattaforma chiamata, senza molta fantasia, Intel Centrino Atom (precedentemente nota come Menlow).

Queste Cpu potranno vantare consumi bassissimi (da 0,6 a 2,5 watt), dimensioni estremamente ridotte (25 millimetri quadrati), compatibilità con le istruzioni dei processori della serie Core 2 Duo, grafica integrata e un prezzo contenuto. Intel intende vendere infatti i processori Atom a meno di 300 dollari.

Il direttore delle vendite di Intel, Sean Maloney, è entusiasta: "Questo è il processore più piccolo mai realizzato, con i transistori più piccoli al mondo. Crediamo che porterà notevoli innovazioni nell'industria".

L'obiettivo di Intel è equipaggiare i notebook ultraportatili e i cosiddetti Mid (Mobile Internet Device), che faranno la loro comparsa nel prossimo futuro e probabilmente avranno un grande successo, se l'esperienza dell'Eee Pc di Asus (non a caso basato sui processori Celeron) conta qualcosa. Rispetto ai chip presenti negli attuali dispositivi mobili, dunque, Atom vuole offrire le potenzialità di un notebook tradizionale su un dispositivo di dimensioni minuscole.

Nel frattempo Intel deve rivedere le stime sui margini a causa del prezzo delle memorie flash: calato più del previsto, ha costretto la compagnia di Santa Clara a rivedere le proprie previsioni, passando da un margine lordo stimato del 56% a uno del 54%.

Il settore delle memorie a stato solido sta dando preoccupazioni a Intel, che infatti sta lavorando per creare, tramite una partnership con ST Microelectronics, una nuova società che se ne occupi, chiamata Numonyx, entro la fine di aprile.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Eh però è un peccato, potrebbero accapigliarsi su chi produce il processore che consuma meno a uguali prestazioni
5-3-2008 19:17

evidentemente non si raggiunge proprio la stessa potenza ;-)
4-3-2008 21:29

Però se ... perché non utilizzarlo direttamente sui notbook tradizionali e non solo sugli ultraportatili? Leggi tutto
4-3-2008 18:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2229 voti)
Dicembre 2019
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Tutti gli Arretrati


web metrics