Addio silicio, arriveranno i chip di grafite

Ibm ha annunciato di aver trovato nella grafite un degno successore del silicio, che permetterà di realizzare chip più piccoli ed efficienti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-03-2008]

Se le promesse di Ibm verranno realizzate, non guarderemo più una matita con gli stessi occhi: la grafite, il materiale che consente loro di svolgere la loro funzione principale (scrivere, non essere mordicchiate) sostituirà il silicio come base per i chip del futuro.

I circuiti di grafite saranno molto più piccoli ed efficienti di quelli attuali. Ci si può quindi chiedere perché non si sia pensato prima di utilizzare questo materiale.

Il motivo è che Ibm è stata la prima, tra tutti quelli che stanno cercando di realizzare la stessa soluzione a trovare il modo di eliminare l'interferenza indesiderata dei segnali elettrici, generata quando si riduce il grafene - una forma di grafite bidimensionale dello spessore di un singolo strato atomico - a dimensioni dell'ordine di appena qualche atomo.

Secondo le spiegazioni di Ibm stessa, il grafene è il candidato ideale a sostituire il silicio perché permette la creazione di nanodispositivi, ossia di lavorare su scale notevolmente ridotte rispetto a quelle attuali. Il rovescio della medaglia, invece, si chiama effetto Hooge.

Con effetto Hooge si intende indicare la relazione inversa tra le dimensioni del dispositivo e la quantità di rumore elettrico incontrollato che viene generato: quanto più essi vengono ridotti nelle dimensioni, tanto più cresce il rumore cariche di elettriche che rimbalzando intorno al materiale causano interferenze di ogni sorta, vanificandone l'utilità.

Il dottor Phaedon Avouris, ricercatore di Ibm, spiega: "Su nanoscala, l'impatto sul rumore dell'effetto Hooge è fortemente amplificato, perché le dimensioni si avvicinano ai limiti più piccoli, fino ad appena una manciata di atomi, e il rumore generato può essere maggiore del segnale elettrico che si deve ottenere, rendendo inutile il dispositivo".

Ora, però, i ricercatori hanno annunciato di essere riusciti a sopprimere il rumore nei dispositivi semiconduttori basati su grafene.

La soluzione del problema è dovuta all'uso di due fogli di grafene posti l'uno sopra l'altro anziché di uno solo, com'era avvenuto negli esperimenti precedenti: in questo modo il rumore diventa sufficientemente debole per creare dei semiconduttori efficienti.

Serviranno ancora studi e analisi prima di poter pensare a un'applicazione concreta dalla scoperta, ma la tecnologia sembra molto promettente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La batteria al grafene che estrae l'idrogeno dall'aria

Commenti all'articolo (1)

una fila di atomi!??!?!?!?!?!?! il passo successivo quale sarà!??!?!?! dividere l'atomo in due parti?!?!?!?!?! cmq wow!!!! :shock:
13-3-2008 14:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Recenti scoperte genetiche affermano che l'invecchiamento è controllabile e quindi potremo vivere tutti più a lungo. Cosa ne pensi?
E' una grande scoperta, sono contento di vivere più a lungo.
L'importante è poter vivere bene e in salute.
Trovo che la genetica si stia spingendo oltre i limiti umani.
Significa che dovremo tutti lavorare più a lungo e andare in pensione più tardi.
Questo contribuirà al sovraffollamento del pianeta.

Mostra i risultati (5799 voti)
Luglio 2021
Windows 10, svelato l'aggiornamento 21H2
Zitto zitto, il Parlamento Europeo vara la sorveglianza di massa di tutte le email
La UE ci riprova col caricabatterie unico
Stuxnet, il virus informatico più distruttivo della storia
Windows 11, niente update da Windows 7 e 8.1
Falla critica nel sistema di stampa di Windows, e la patch ancora non c'è
Un assaggio del nuovo Office, riprogettato per Windows 11
Giugno 2021
Windows 11, il mio PC riuscirà a eseguirlo?
Windows 11, non abbiate fretta di installarlo
Un blackout informatico molto, molto canadese
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Windows 11, l'update da Windows 7 e 8 sarà gratis
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 24 luglio


web metrics