Italian Job II, nuovo attacco contro i siti Web italiani

Dall'est europeo arriva un rootkit che prende di mira i siti del belpaese. Affondati i siti ufficiali di Monica Bellucci, di Sabrina Salerno e del club della Mercedes-Benz.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-05-2008]

Trend Micro ha rilevato un nuovo attacco di massa contro i siti Web italiani, simile a quello verificatosi nel giugno 2007, soprannominato "Italian Job" che aveva colpito migliaia di siti italiani.

Il dominio dei siti può essere di origine inglese, statunitense, asiatico o italiano, ma i siti ad essere colpiti finora sono tutti in lingua italiana, di cui la maggior parte con dominio italiano.

Esempi di siti compromessi sono i siti dei fan di Johnny Depp e del gruppo Pearl Jam, il sito ufficiale della cantante pop degli anni ‘80 Sabrina Salerno e dell'attrice ed ex modella Monica Bellucci, oltre che il club italiano della Mercedes-Benz.

Accedendo a uno dei siti compromessi, il visitatore viene reindirizzato automaticamente ad uno dei due siti dannosi creati appositamente da criminali informatici. Entrambi i domini contengono gli stessi script maligni che scaricano ed eseguono varianti del Trojan Sinowal, un tipo di minaccia informatica che ha l'obiettivo di sottrarre informazioni personali, in particolare dati bancari.

Si è inoltre rilevato che i due siti sono ospitati su un unico indirizzo IP, individuato a San Diego, California. In questa fase delle indagini, si ha motivo di ritenere che i criminali responsabili dell'attacco siano originari dell'Europa dell'Est.

Uno dei due URL malevoli tenta di scaricare sui PC degli utenti i malware TROJ_SINOWAL.C e BKDR_SINOWAL.CF. Senza un'adeguata protezione, quest'ultimo codice maligno scaricherebbe a sua volta sul PC un rootkit che modifica alcuni settori dell'hard disk. Il JavaScript dannoso viene identificato come JS_AFIR.A.

La raccomandazione ai visitatori di siti Web italiani è prestare estrema cautela e verificare che il software di sicurezza utilizzato sia aggiornato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1804 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics