Xandros acquisisce Linspire, nessuno se l'aspettava

Gli azionisti di minoranza di Linspire non erano stati avvisati dell'operazione e accusano il fondatore Michael Robertson di aver mandato in rovina la compagnia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-07-2008]

Xandros acquisisce Linspire, nessuno se l'aspettav

Capita, di tanto in tanto, che una compagnia ne acquisisca un'altra, specialmente se entrambe si occupano di tecnologia e competono nello stesso settore: quella messa meglio assorbirà quella in difficoltà e ne farà proprie le conoscenze.

Non dovrebbe quindi meravigliare la decisione di Xandros, società che ha creato la distribuzione Linux usata anche da Asus per i propri Eee Pc, di acquisire Linspire, la creatura di Michael Robertson - fondatore di mp3.com - precedentemente nota come Lindows (precedentemente, nello specifico, significa prima che Microsoft si arrabbiasse per l'eccessiva somiglianza del nome con Windows).

Il problema, tuttavia, deriva dal fatto che gli accordi per l'acquisizione sarebbero stati portati avanti in gran segreto da Robertson stesso, dall'attuale Ceo di Linspire Larry Kettler, e da Andy Typaldos, Ceo di Xandros, senza avvisare gli azionisti di minoranza se non a cose fatte.

Ciò, oltre che poco corretto, sarebbe anche illegale in molti stati, come fa notare Kevin Carmony nel proprio blog. Carmony è stato Ceo di Linspire fino allo scorso luglio, quando la società aveva ancora in cassa, a sentire lui, "milioni di dollari".

Ora Carmony è soltanto un azionista, e come tale ha ricevuto un memorandum da parte dell'azienda cui partecipa con il quale è stato informato dell'acquisizione. La cosa gli ha fatto poco piacere, così poco da accusare Robertson di aver sperperato i soldi di Linspire, intascandoseli o dandoli alla propria famiglia o reindirizzandoli verso altre società.

La mossa di Xandros servirebbe dunque soltanto per coprire la pessima gestione di Michael Robertson ed "evitare una pubblica umiliazione" ammettendo "il fallimento di Linspire sotto la propria leadership".

Secondo Carmony, Linspire sarà venduta a prezzi stracciati: ben al di sotto del mezzo dollaro per azione che rappresenterebbe l'unica offerta accettabile. Comunque sia, la distribuzione nata per non traumatizzare gli utenti nel passaggio da Windows a Linux ora passa completamente nelle mani di Xandros, insieme alla sorella Freespire (gestita dalla comunità) e al servizio Cnr (Clic'N'Run ossia Clicca E Usa) per l'installazione del software.

Dopo l'acquisizione, il nome di Linspire cambierà in Digital Cornerstone.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

piccolezze Leggi tutto
4-7-2008 15:16

Linspire funziona benissimo Leggi tutto
4-7-2008 00:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1702 voti)
Dicembre 2019
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Tutti gli Arretrati


web metrics