Le auto volanti di Clive Sinclair

Con il prezzo della benzina alle stelle è tempo di pensare seriamente ai motori elettrici e prepararsi a vedere le automobili sfrecciare nei cieli.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-07-2008]

Le auto volanti di Clive Sinclair

Sir Clive Sinclair, l'inventore e imprenditore britannico il cui nome è per i più legato agli home computer ZX80, ZX81 e soprattutto ZX Spectrum, storico rivale del Commodore 64, è sempre stato un tipo un po' strano.

Al di là del successo dello Spectrum, altre invenzioni non sono state accolte favorevolmente: la più famosa è la Sinclair C5, una sorta di triciclo elettrico prodotto in circa 12.000 esemplari e presentato dal sito dei suoi stessi fan come un "disastro commerciale". Il motivo è spiegato dallo stesso Sinclair: "Immettersi nel traffico era un po' allarmante".

I mezzi di trasporto hanno sempre affascinato Sir Clive: la sua ultima idea è che ormai siamo prossimi all'avvento delle auto che volano. "Il veicolo partirà da casa e andrà dovunque si vorrà", ha spiegato l'inventore; naturalmente si tratterà di un mezzo di trasporto elettrico ("perché i motori a benzina non sono abbastanza affidabili") e completamente automatizzato ("perché non possiamo imparare tutti a volare").

Il padre dello Spectrum è anche certo del fatto che, a causa del crescente prezzo della benzina, a breve le auto elettriche conosceranno una fama senza precedenti: gli piacerebbe investire nel settore, tuttavia ciò richiederebbe un'elevata somma di denaro che sarebbe disponibile solo se il progetto A-Bike, la bicicletta pieghevole, ottenesse il successo che il C5 non ha mai avuto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
PAUSE 0
È morto sir Clive Sinclair, creatore dello ZX Spectrum
Lo ZX Spectrum risorge tra tablet e Bluetooth

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

non ne ho idea, onestamente non mi sembra impossibile un problema di questo tipo - a livello locale ovviamente comunque avevo trovato anni fa una mappa della ventosità in Italia e si capiva che a parte qualche isolata zona nel sud e in sardegna, non c'è particolare disponibilità energetica in questo senso se la tecnologia delle... Leggi tutto
4-10-2021 13:14

Grazie :) Comunque da quello che mi spiegava parecchi anni fa un esperto di energia, il problema vero in Italia e' un altro. Dopo decenni di scarse manutenzioni e praticamente zero upgrade della rete elettrica nazionale, ci troviamo costretti a volte a staccare completamente l'eolico, per evitare di mandare tutto in corto. Non ho... Leggi tutto
3-10-2021 23:40

l'equivalente italiano (circa) sul sito di Terna, e si può vedere come nelle ore diurne il solare permetta di ridurre in parte la produzione da fonti termiche https://www.terna.it/it/sistema-elettrico/transparency-report/actual-generation c'è da considerare che in Italia c'è meno vento in generale, però c'è più disponibilità solare
30-9-2021 13:11

Notevole! Mi piacerebbe avere sott'occhio l'equivalente italiano, anche se sicuramente siamo piu' indietro. Della pagina che ho linkato, il grafico piu' significativo in prospettiva e' questo: prezzo dell'energia da nuove centrali. Il probema e' l'inerzia del sistema produttivo, e' quella che va combattuta quanto prima con regolamenti... Leggi tutto
28-9-2021 23:46

qui in UK uno può guardare la produzione (e il consumo) in tempo reale: https://gridwatch.co.uk. In questo momento: - Vento: 39% - Solare: 16% (sì, certo, di notte è zero, non commentate perché lo so già!) - Biomassa 7% - Idroelettrico 1% e non chiamerei poco, 20 anni fa qui praticamente tutto andava ancora a carbone, ora le poche... Leggi tutto
27-9-2021 13:28

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa utilizzi per inviare messaggi privati?
Uso varie applicazioni su qualsiasi dispositivo disponibile
Uso varie applicazioni sui miei dispositivi
Uso solo applicazioni affidabili su dispositivi di fiducia
Non invio messaggi privati online

Mostra i risultati (954 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 3 dicembre


web metrics