YouTube pronto per gli spot

Mini-pubblicità subito prima e subito dopo i filmati sembrano essere l'unica soluzione per far rendere economicamente il sito di condivisione video più usato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-07-2008]

YouTube pronto per gli spot

Così, finalmente ci siamo. Da qualche tempo i segnali, lanciati dal Ceo di Google Eric Schmidt, si stavano facendo più chiari: YouTube finora ha rappresentato una grossa perdita ed è tempo di iniziare a rientrare delle spese fatte.

L'annuncio della possibilità di ospitare film e telefilm è stato il primo passo; ora tocca alla pubblicità.

Il modello attuale impone che Google possa mettere pubblicità solo su video approvati dagli inserzionisti e dai partner: con questo sistema solo il 4 per cento dei video caricati su YouTube ha una qualche rilevanza ai fini pubblicitari, vale a dire 20 soli minuti sulle dieci ore che ogni minuto vengono caricate.

Chiaramente tutto ciò si traduce in perdite per la società. Ecco perché già qualche tempo fa Google aveva sperimentato l'overlay: spot in sovraimpressione nella parte bassa del video, come già avviene a volte in televisione. Gli utenti però protestarono e la cosa finì sostanzialmente in niente.

Ora, però, non c'è più tempo di tergiversare e la soluzione sono i preroll e i postroll: vale a dire mini-spot da mostrare subito prima e subito dopo il filmato.

Facile prevedere che nemmeno questa strategia riscuoterà ondate di consenso da parte degli utenti. Se i preroll saranno molto brevi, potranno forse anche essere sopportabili. Se viaggeranno sui 30 secondi, come si vocifera attualmente, c'è il rischio di vedere un esodo in massa da YouTube.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Bhe di certo non capisco quelli che hanno protestato. O la pubblicità o paghi. Anche io sti 5 euro l'anno li darei per il servizio che mi offre. Il problema è che un mio video lo vedono in media 100 persone. Sono tutti video da 10 mega. In più lo posto sui forum e così via.... siamo sicuri che i miei 5 euro bastino a google per tutta la... Leggi tutto
10-7-2008 16:03

{Mattia}
Io pago volentieri Leggi tutto
10-7-2008 11:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (399 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics