Rischiano il tumore i bambini che usano il telefonino

Chi ha iniziato a usare il cellulare da bambino rischia il tumore al cervello 5 volte più di chi ha cominciato da adulto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-09-2008]

Cellulari bambini 5 volte tumore glioma Hardell

I cellulari fanno male, ma non a tutti nella stessa misura: quelli che rischiano di più sono bambini, adolescenti e giovani fino ai 20 anni, per i quali la possibilità di sviluppare un tumore al cervello è cinque volte più alta se usano il telefonino.

Questa è la sintesi di una ricerca svedese pubblicata dall'inglese Indipendent on Sunday e che sta facendo molto discutere per i risultati cui è arrivata. Se da sempre si parla dell'eventuale pericolosità delle onde elettromagnetiche emesse dai cellulari, ora sembrano arrivate le conferme.

Secondo gli autori della ricerca, coordinati dal professor Lennart Hardell dell'Ospedale Universitario di Orebro, i bambini sotto i 12 anni dovrebbero usare il cellulare "solo in caso di emergenza"; per i teenager, invece, cui è difficile vietare il telefonino, il consiglio è "usare il vivavoce" e "concentrarsi sui messaggi di testo".

La maggiore vulnerabilità dei bambini e dei giovani deriva dall'incompleta maturazione del cervello e del sistema nervoso, che ancora si stanno sviluppando, e dalla maggiore sottigliezza dei crani rispetto a quelli degli adulti, che permette una penetrazione più massiccia delle radiazioni.

"Le persone che hanno iniziato a usare i telefoni mobili prima dei 20 anni hanno 5 volte più possibilità di sviluppare un glioma", un tumore del tessuto nervoso. Non sono solo i cellulari a essere sotto accusa, ma tutti i dispositivi portatili: tra i pericoli ci sono anche i cordless, diffusi in molte case, e le trasmissioni Wi-Fi.

Per chi ha cominciato dopo i 20 anni, invece, dopo 10 anni di uso dei telefonini la possibiltà di sviluppari un glioma è maggiore solo del 50 per cento (rispetto a chi non usa il telefonino) ed è doppia quella di incorrere in un tumore del nervo acustico (che causa sordità), mentre non ci sono dati a così lungo termine per chi abbia cominciato da giovane.

Finora non erano state dette parole così chiare su questo argomento; nessuno aveva mai affermato in maniera tanto categorica i seri rischi connessi all'uso dei cellulari e degli altri apparecchi mobili. E c'è anche chi ritiene che i risultati di questa ricerca siano falsati.

Secondo il National Radiological Protection Board inglese (cui il governo britannico si affida per stabilire i livelli di sicurezza), nello studio svedese "non abbiamo trovato un accrescimento del rischio di tumore al cervallo associato all'esposizione ai telefoni mobili". Mancherebbe la necessaria "precisione statistica" per trarre la conclusioni di cui Hardell sembra tanto sicuro.

Il professore svedese, infatti, non ha dubbi: "È un segnale d'avvertimento. È molto preoccupante. Dovremmo prendere delle precauzioni". Anche perché ci sono tumori che impiegano decenni a svilupparsi: molto più tempo rispetto alla presenza dei telefonini sul mercato. I danni sul lungo periodo - specialmente per i giovani, sui quali si vedranno gli effetti solo tra trenta o quarant'anni - potrebbero dunque essere ben peggiori di quanto appaia ora.

Secondo David Carpenter, della Scuola di Salute Pubblica dell'Università di New York, "i bambini passano molto tempo al telefonino. Potremmo trovarci di fronte a una crisi della salute pubblica in un'epidemia di tumori al cervello come risultato dell'uso dei telefoni cellulari".

Lennardt Hardell vorrebbe ora fare altri studi perché il quadro sembra davvero preoccupante. Finché ulteriori ricerche non chiariranno meglio la situazione, il consiglio che tutti danno è ridurre l'uso del cellulare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Le calamite che cancellano il disco rigido: bufala

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

{worker}
dai commenti si capisce che sono tutti scienziati! e chi ha fato la ricerca, e quante persone, e di che età, e ma erano biondi o bruni... vi fate infinocchiare dalle propagande delle multinazionali che hanno interessi enormi e se ne fregano della vostra salute! Amianto, fumo, elettrodotti, ecc.. Hanno campo libero grazie ad una... Leggi tutto
27-4-2015 14:28

Ma scherziamo ? Leggi tutto
10-11-2008 12:49

{lupopz}
quindi quelli che non lo usano non lo rischiano mabbasta con questi ciarlatani!!
23-9-2008 16:23

Beh, non solo bambini, si parla di "prima dei 20 anni". Leggi tutto
22-9-2008 21:55

{Doriana}
La colpa è della società che ci circonda Leggi tutto
22-9-2008 21:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Ha ragione Stallman quando dice che Android non è libero?
No
Non lo so

Mostra i risultati (2900 voti)
Dicembre 2020
La storia segreta di un gioiello scientifico
Microsoft brevetta la tecnologia per eliminare le riunioni inutili
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Tutti gli Arretrati


web metrics