Perché non dobbiamo dimenticarci di Dmitry

Yuri Bettini, dalle colonne di Dev del mese di ottobre, esprime solidarietà a Dmitry Sklyarov e preoccupazione per il significato della sua vicenda.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-10-2001]

L'editoriale di Bettini ha, tra i tanti, un pregio che va sottolineato: infatti evidenzia che Dmitry Sklyarov non ha commesso reati.

Ricordiamo che Dmitry è stato arrestato dal FBI a Las Vegas, dopo avere partecipato a un convegno sulla criptoanalisi, con l'accusa di avere scritto un programma in grado di superare il sistema di crittografia utilizzato da Adobe per proteggere i propri e-books. Peccato che Dmitry sia cittadino russo, risieda a Mosca e colà abbia scritto quel software: in Russia la normativa legale sul copyright è diversa da quella in vigore negli U.S.A., perciò il fondamento giuridico dell'accusa che gli viene mossa è inconsistente.

Ho letto molti articoli sulla vicenda, che ha prodotto un certo rumore soprattutto negli Stati Uniti, ma nessuno di essi pone in evidenza tale ovvia, quanto fondamentale, contraddizione. In pratica, le autorità statunitensi si stanno comportando come se le leggi del loro Paese avessero un sorta di validità universale (in effetti non è il solo caso), e perciò commettesse comunque un reato e risultasse perseguibile non appena messo piede sul sacro suolo d'America chi non le rispetti laddove esse peraltro non esistono.

Molte penne, e tra esse si contano firme assai quotate, pur soffermandosi su questioni importanti quali il caso umano e la libertà di espressione, non cogliendo affatto tale aspetto hanno fatto di Dmitry un ragazzo ingenuo e birbone che ha commesso una marachella: tanto vale tirargli le orecchie e lasciarlo andare, lo spavento è tale che non ci proverà più.

Le cose non stanno così. Se, come Bettini ci racconta, la reazione di Mosca è consistita semplicemente nel confermare che anche per i cittadini russi il DMCA (la legge statunitense a tutela del copyright) ha valore, quando si rechino negli U.S.A., allora tutta la vicenda si colora di tinte assai fosche. Visti i tempi che corrono, vien da pensare che Dmitry sia, a questo punto, vittima anche della "ragion di Stato", cioè di qualche dannato gioco di opportunità politica.

Inoltre, tra un ritardo e un rinvio, i tempi del processo si allungano: oltre ad una non trascurabile pressione psicologica su Sklyarov, ciò tende a generare un pericoloso effetto nebbia nella memoria del pubblico.

Non dobbiamo dimenticarci di Dmitry, per molte buone ragioni.

Leggi la seconda parte - Ebbene, perché?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai inserito username e password della tua webmail. Il browser ti chiede se desideri salvare le credenziali di accesso per il futuro. Cosa fai?
Uso questa opzione perché è comoda, così non devo inserire ogni volta username e password
Clicco su No e disattivo l'opzione “Resta collegato”
Non accedo alla mail attraverso siti di webmail ma solo attraverso applicazioni installate sul dispositivo

Mostra i risultati (1622 voti)
Settembre 2019
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati


web metrics