Il futuro dell'Enel nelle telecomunicazioni

Una sentenza del Tar dà il via libera all'Enel per la fusione Wind-Infostrada. Il futuro del grande gestore italiano dell'elettricità sarà sempre più nelle telecomunicazioni, anzi, nell'offerta di multiutility.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-10-2001]

Il Tar del Lazio ha bocciato la decisione dell'Autority per le Comunicazioni di condizionare l'autorizzazione alla fusione di Infostrada (di cui il maggiore azionista è l'Enel) alla cessione da parte dell'Enel di maggiori quote di produzione elettrica per favorire la liberalizzazione del mercato elettrico.

La volontà dell'Autority di compensare l'espansione dell'Enel in campo telefonico con una accelerazione dello smantellamento del monopolio elettrico nasceva dal timore che l'Enel potesse acquisire una posizione dominante nel campo delle multiutility: un'offerta unica di energia, telefono e acqua, con fatturazione unica e magari forti sconti.

La paura è tutt'altro che infondata, se consideriamo l'imperialismo espansivo dell'Enel negli ultimi 2 anni: con i soldi delle bollette elettriche, ancora in monopolio, è stata creata Wind, il terzo gestore di telefonia mobile e titolare di una licenza Umts; è stata acquistata Infostrada, secondo gestore della telefonia fissa italiana; l'Enel inoltre ha acquistato l'Acquedotto Pugliese, uno dei più importanti gestori idrici italiani; si è fatta avanti per un eventuale acquisto dell'Italgas; ha acquisito importanti quote di società impegnate nelle scommesse e lotterie; ha istituito una società per l'installazione e la manutenzione di impianti elettrici in casa del cliente.

E' una stategia a tutto campo quella del manager Franz Tatò, che ricorda quelle grande imprese sovietiche, onnicomprensive, sopravvissute alla caduta del comunismo, più forti dello stesso Stato e del Governo.

Il futuro dell'Enel sarà sempre più lanciato nelle telecomunicazioni: di cedere Wind non se ne parla, vista la situazione della Borsa, e anche la stessa privatizzazione dell'azienda è bloccata. Inoltre l'Enel non nasconde di essere interessata a una rete Rai, in caso di riforma dell'ente radiotelevisivo, per avere contenuti per la telefonia mobile e l'Umts.

Per ora l'Enel è l'unica azienda italiana ad essersi dotata di una Web-Tv aziendale per la comunicazione e la formazione dei propri dipendenti, con produzione di proprie News, un servizio che l'Enel può vendere anche a terzi.

L'Enel ha costituito in questi giorni Sfera, una società che si pone nel mercato dell'e-learning, vendendo formazione a distanza, inaugurando un proprio Master.

L'immagine più palese di questa volontà di essere al centro della New economy è il sito dell'Enel: ospita Golem, la rivista culturale sul Web e sui nuovi Media; dal sito è possibile allacciare l'impianto della luce, inviare reclami ma anche semplici Sms agli amici.

Infine l'Enel in questi giorni ha sottoscritto il Contratto Nazionale delle Imprese di servizi di telecomunicazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'Università di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
È corretto. Farò meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1206 voti)
Luglio 2020
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
Tutti gli Arretrati


web metrics