Il biodiesel si ricava dai fondi di caffé

Alcuni ricercatori dell'Università del Nevada sono riusciti a trasformare gli scarti del caffé in biocarburante migliore di quelli tradizionali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-12-2008]

Biodiesel ricavato dai fondi del caffé in Nevada

Cereali, olii usati, alghe, funghi, e ora caffé: la ricerca di una fonte economica, abbondante e che possibilmente non danneggi l'ambiente da cui ottenere biodiesel non si ferma.

L'ultimo ritrovato è stato scoperto da alcuni ricercatori del Nevada, che hanno trovato il modo di estrarre biocarburante dai fondi del caffé.

Dagli scarti dei prodotti a base di caffé serviti dalla catena Starbucks, i ricercatori dell'Università del Nevada sono riusciti ad estrarre dall'11 al 20% di olio per ogni quantità lavorata, che poi hanno convertito in biodiesel.

Il carburante così ottenuto sarebbe più stabile di quello tradizionale, e i resti solidi della lavorazione possono ulteriormente essere manipolati e trasformati in etanolo o concime. E, in più, la combustione di questo biodiesel rilascia un gradevole aroma di caffé.

L'idea sembra tanto promettente che è già stato progettato un impianto pilota di produzione: sarà pronto entro i prossimi sei o otto mesi. I calcoli dei ricercatori americani rivelano che dai fondi di caffé di tutto il mondo si potrebbero ricavare più di un miliardo di litri di biodiesel ogni anno.

Se questa via si dimostrasse praticabile su larga scala, occorrerà segnare tra i vantaggi l'uso di uno scarto alimentare, mentre la produzione di biocarburanti dai cereali si pone in concorrenza proprio con l'uso della stessa materia prima per l'alimentazione.

Inoltre ognuno potrebbe - almeno in teoria - diventare un piccolo produttore di parte del proprio carburante, oppure vendere gli scarti che oggi con tanta indifferenza getta nel secchio dell'umido.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Petrolio dalle alghe in meno di un'ora
Il biocarburante ottenuto grazie all'Escherichia Coli

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 21)

aspirare più grasso per avere più carburante, come i vampiri Leggi tutto
1-1-2009 23:46

Perché, tu sai la risposta? Leggi tutto
1-1-2009 19:41

Perché? Solo perché è "immorale"? Se dovessimo penalizzare tutte le cose immorali da un punto di vista religioso staremmo proprio freschi... :roll: Chiaro che se ha eseguito male degli interventi aspirando troppo grasso è giusto che sia perseguito Leggi tutto
1-1-2009 18:57

E' semplicemente incredibile che ancora te lo domandi! Leggi tutto
1-1-2009 18:05

Bisognerebbe leggere il mandato di arreesto. Comunque vi sono cose che non si possono fare legalmente neppure col consenso dell'interessato (o altrimenti detto: cose per cui l'interessato non può dare consenso valido legalmente). Ad es. in Italia un malato non può dare il suo consenso ad essere ucciso dal medico (cosidetto suicidio... Leggi tutto
1-1-2009 17:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (399 voti)
Ottobre 2020
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Tutti gli Arretrati


web metrics