Facebook e l'influenza della Chiesa

Considerazioni sparse sull'interessamento della Cei al social network più famoso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-01-2009]

Verrebbe da chiedersi: ma cosa vogliono costoro? Sembrano appartenere ad un mondo a sé, fuori dalla realtà e dalla logica, a inseguire vecchi e nuovi dogmi inventati da autoproclamate autorità morali, etiche e religiose. Senza tenere (orgogliosamente) conto dello scherno e del ridicolo di cui si circondano. Ma le gerarchie religiose sono bel lontane da seguire la via del kamikaze. A morire ci mandano gli altri.

In realtà pare sempre più evidente che questi tentativi di prendere il controllo nella vita della gente attraverso insinuazioni pseudomoralistiche appartengano alla categoria dei colpi di coda.

Pur nella sua straripante presenza sui media, nella sua ostentazione di sfarzo, pompa e ricchezza, fra l'altro in un mondo che velocemente si impoverisce, la Chiesa mostra di essere in grande difficoltà, di soffrire per una caduta verticale del numero fedeli obbedienti ai suoi dettati.

Non trovando altro modo per imporre alle coscienze (oggi sempre più distratte da uno pseudoedonismo casereccio) la propria autorità, cerca perciò di farlo attraverso una preoccupante commistione fra politica e religione dove la religione eleva sempre più il suo primato e controllo sulla politica.

Questo potrà sicuramente portare ad un irrigidimento della libertà di tutti, operato attraverso uno Stato sempre più "etico" e sempre meno laico. E questo è quanto siamo già osservando da tempo. Non credo però che Facebook possa subire una simile censura dal momento che la tipologia dei rapporti fra religione e Stato non è uguale dappertutto.

L'Italia è un caso a sé, abbiamo subito la dominazione coatta - un paio di millenni non sono pochi - da parte della stessa forma di potere temporale. Quello delle gerarchie cattoliche: anche se queste ultime, nei secoli, hanno subito molte metamorfosi cambiando pelle e faccia, non hanno però cambiato le ragioni del loro essere, ragioni che niente hanno a che fare con la fede legittima e sincera dei credenti ma soprattutto con la lezione etica e morale del suo fondatore.

Le tanto sbandierate radici cristiane sono una bestemmia, un inganno sparato in faccia alla gente, sempre così affezionata alla figura del Cristo, forse perché più vicina a loro come idea di uomo qualunque, nato povero fra i poveri, perfettamente incastonabile nel panteon delle divinità pagane che, ancora oggi, sotto le vesti dei santi, ci guardano dagli altari della devozione popolare.

Attenzione: il passaggio dalla richiesta di grazia al voto di scambio è breve. E forse è più efficace, oggi, per le gerarchie eclesiastiche, praticare una sorta di imposizione diretta visto che la gente continua a chiedere intercessioni ai santi o ai politici ignorando i veri regnanti.

A differenza dei Re che hanno bisogno della claque e del buffone, le gerarchie eclesiastiche curano solo la claque e questo è nei secoli, costato molto caro, in termini di consenso, obbedienza e applausi.

Il giorno che la comunità dei fedeli comprenderà che la "Chiesa" voluta dal suo fondatore non è il Vaticano e le sue gerarchie ma la comunità intera dei credenti, forse qualcosa potrà cambiare, fatto salvo il totale rinnovamento delle gerarchie, cosa che comporterà purtroppo periodi molto molto lunghi, di transizioni anche dolorose e feroci. Ma per il momento non ne vedo l'inizio. Osservo solo l'arroccarsi in posizioni pseudoetiche, assurde e/o grottesche.

Del resto le religioni non si sono mai vergognate delle loro bugie, dei massacri, delle violenze e dei delitti contro l'umanità. Il tacito accordo dei poteri politici, economici e la pazienza infinita e l'ignoranza voluta dei popoli ha sempre permesso questo. Chi è causa del suo mal pianga se stesso. E faccia piangere anche gli altri.

Una cosa, al di là delle considerazioni discutibili che ho espresso, rimane intatta: la Chiesa ha paura di perdere il proprio potere senza il quale la sua ricchezza finirebbe per dissolversi, niente più privilegi, niente più orgogliosi narcisismi. Sarebbe faticoso intraprendere la via di povertà e servizio al mondo per chi è abituato a vivere nell'agio, circondato da devozione e servitù.

Sul piano pratico non vedo però come le considerazioni espresse da appartenenti al clero possano in qualche modo mettere a rischio una comunità così estesa, un potenziale economico così in crescita come Facebook. Mi preoccuperei piuttosto delle limitazioni che uno Stato prono ai capricci del clero potrebbero in futuro tentare di porre alla circolazione delle idee sul web, così come in alcuni paesi a regime totalitario stanno già facendo anteponendo controlli e filtri. Ma questo è un altro problema. Quando avverrà da noi ne riparleremo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 96)

Sì, ma ho anche ricordato come le scuse se lo siano poi ben presto "rimangiate". (In modo molto meno noto e appariscente). Leggi tutto
6-2-2009 17:33

Ci ha impiegato giusto quei quattrocento anni a "chiedere scusa", cosa vuoi che sia... E l'Inquisizione? un giochino tra consenzienti. "Ordini, io eseguivo solo gli ordini"... L'articolo avrebbe dovuto intitolarsi "Facebook mette in guardia dei pericoli della Chiesa"
6-2-2009 17:13

Non c'entra quasi nulla, ma, purtroppo, spesso quando si nomina la Chiesa saltano fuori cose diffamatorie che non c'entrano nulla. Questa volta era stato detto che la Chiesa aveva definito giusto e razionale il processo a Galilei, cosa che non si è rivelata vera. Credo utile che venga fatta chiarezza quando ci sono certe affermazioni in... Leggi tutto
6-2-2009 16:00

Lui le ha indicate -anzi lui ha indicato l'articolo che spiegava cosa aveva scritto il futuro papa- , mentre il futuro papa c'ha fatto sopra un saggio. Comunque poco dopo che il pappa (precedente) aveva chiesto scusa con grande impatto mediatico per come la Chiesa aveva tratta Galileo Galieli, la stessa Chiesa si era afferettata a... Leggi tutto
5-2-2009 22:59

Anche maghirko ha scelto di citare quella frase quindi... Quindi boh? Cosa vuol dire quando si decide di citare qualcuno? Che si è d'accordo? Cavolo, l'ho citata anch'io, eppure non definirei il processo a Galileo giusto e razionale... :shock: Leggi tutto
5-2-2009 21:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è lo strumento di informazione di cui ti avvali di più?
I media tradizioniali (Tv, radio, stampa, ecc.)
Internet, soprattutto i siti autorevoli (Repubblica, Corriere, ecc.)
Internet, soprattutto i siti indipendenti o di controinformazione
Internet, soprattutto i social network (Twitter, Facebook, ecc.)
Non mi fido di nessun media e credo solo a quello che vedo

Mostra i risultati (3035 voti)
Agosto 2020
Mozilla licenzia il 25% dei dipendenti
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics