La macchina della verità, gli scienziati e i ciarlatani

I "rivelatori di bugie" basati sull'analisi della voce sono strumenti decisamente fantascientifici. Forse troppo, tanto che c'è chi chiama "ciarlatani" coloro che li vendono.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-03-2009]

Lie detector Nemesysco Eriksson Lacerda bugie

Un lie detector è per definizione un apparecchio in grado di stabilire se una persona sia dicendo un bugia. Non viene generalmente chiamato macchina della verità perché quest'ultima è una locuzione che di solito usa per il poligrafo, mentre un lie detector di basa sull'analisi della voce.

Nemesysco è un'azienda israeliana il cui business è proprio la realizzazione e la messa in commercio di apparecchi in grado di capire se una persona stia dicendo la verità misurando il livello di stress presente nella voce.

Si tratta di un'applicazione interessante che, secondo quanto riportato sul sito di Nemesysco, è stata per esempio utile alla polizia di Birmingham in quasi 160 indagini.

Il problema è che non tutti sono d'accordo sul reale funzionamento dei lie detector. Anzi, c'è qualcuno che - non avendo trovato alcun supporto scientifico alle affermazioni dei produttori - apertamente chiama "ciarlatani" coloro che li commerciano.

Questi scettici sono Anders Eriksson e Francisco Lacerda, che hanno compiuto uno studio sull'affidabilità dei "rivelatori di bugie", trovandoli insaffidabili.

L'idea di una macchina che automaticamente e infallibilmente stabilisce se chi sta parlando dice la verità o mente merita già di per sé qualche cautela, ma i problemi diventano ancora più seri se le forze dell'ordine vi si affidano con troppa leggerezza.

"Ora come ora non è noto alcun sistema in grado di rivelare in modo affidabile se una persona stia mentendo, e nemmeno si sa se sia possibile sviluppare un simile metodo in futuro" è la condanna senza appello espressa nel rapporto da Eriksson e Lacerda. La polizia - e quella di Birmingham in primis - farebbe dunque bene a riconsiderarne l'uso.

La condanna non piace per nulla a Nemesysco, la quale ha imposto all'editore dello studio, la britannica Equinox, di ritirarlo (ordine prontamente eseguito) e ha minacciato di denunciare gli autori per diffamazione qualora osino continuare a scrivere sullo stesso argomento.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Esiste una vasta letteratura scientifica negli stati uniti riguarda alla deficienze strutturali del poligrafo, ma volendo essere sintetici per non annoiare il lettore occasionale, si può riassumere che il problema consista nel fatto che lo stato di mentitore viene rilevato in maniera indiretta ovvero in base a certi comportamenti si... Leggi tutto
2-3-2009 19:53

ricordo che durante il polverone sollevato dal caso Clinton-Lewinski, al tg avevano analizzato con questo strumento la fatidica affermazione dell'allora presidente USA "I did not sex with Monica Lewinski"; e la tecnologia assolveva il povero presidente, che risultava essere sincero... :roll: ...poi lui se ne uscì dicendo che... Leggi tutto
2-3-2009 10:53

Anche il poligrafo può essere ingannato Leggi tutto
1-3-2009 06:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2445 voti)
Agosto 2022
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 20 agosto


web metrics