La musica online adesso si compra su YouTube

Google lancia Click-to-Buy, la piattaforma di e-commerce che permette di acquistare tramite iTunes gli Mp3 dei video.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-04-2009]

Google YouTube Click-to-Buy

Click-to-Buy arriva anche in Italia: la piattaforma di e-commerce di YouTube è ora disponibile anche nel nostro Paese e in Australia, Canada, Francia, Irlanda, Giappone, Nuova Zelanda e Svezia.

Grazie agli accordi con alcune etichette discografiche (tra cui Sony Bmg, Universal ed Emi), è ora possibile acquistare direttamente da YouTube i file Mp3 dei brani i cui video si trovano sulla piattaforma di video sharing di Google.

Il servizio si appoggia a iTunes per l'acquisto e il download dei brani ed è disponibile sin da ottobre in Gran Bretagna, Germania, Olanda e Spagna.

Secondo una ricerca, la metà degli adulti che guarda un video su YouTube decide poi di acquistare il brano relativo e altre opere dello stesso artista: permettendo di farlo direttamente dalla pagina di YouTube, Google spera di riuscire finalmente a ricavare un po' di denaro da un servizio che finora ha rappresentato soltanto una spesa.

Quest'anno, infatti, a causa del servizio di condivisione video il gigante di Mountain View perderà 470 milioni di dollari: le entrate pubblicitarie non sono nemmeno lontanamente sufficienti a coprire le spese.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Concordo in pieno con sia con Digirun che con MaXXX, riguardo al fatto che la qualità delle registrazioni digitali sia in formato CD che MP3 dipende molto dalle incisioni e dal fonico che sulla master consolle ha il compito di controllare e verificare. Gia dieci anni fà con un semplice ( ora definibile cosi allora costosissimo) PowerMac... Leggi tutto
13-4-2009 13:42

No io mi riferivo ad un altro album, non dei metallica, allora ci sono ricascati i discografici :roll: Alla fine ci sono registrazioni analogiche buone ed altre pessime e lo stesso sul digitale, più che la tecnologia oggi conta la bravura e la competenza di chi lavora. Leggi tutto
13-4-2009 08:57

Si tratta di Death Magnetic, l'ultimo album dei Metallica (da w. pedia) Leggi tutto
12-4-2009 20:26

Non mi ricordo il titolo ma ne ho sentito parlare, il fatto che è meglio l'mp3 non è che è perchè è stato preso come ipotizza Digirun dal master, il fatto è che quel disco uscito in vinile, era perfetto ma la prima rimasterizzazione digitale fu fatta male e c'èrano numerose differenze di volume e volumi troppo bassi e frequenze... Leggi tutto
12-4-2009 16:01

Se esiste un caso del genere, può essere solo per un motivo: l'MP3 è stato ricavato direttamente dal master, mentre il CD ha subito il processo di authoring da parte di un disgraziato tecnico del suono SORDO :lol: Poi dipende dal tipo di musica, ovvio che con musica elettronica "moderna", drum n'bass, techno, house e roba... Leggi tutto
11-4-2009 21:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Con quale delle seguenti affermazioni, tutte relative a siti che vendono coupon e buoni sconto online, concordi di più? (Se vuoi dare risposte multiple utilizza i commenti)
Sono un cliente abituale dei siti di coupon e in generale posso dichiararmi soddisfatto delle promozioni attivate tramite questo mezzo innovativo.
Apprezzo i coupon soprattutto per provare quelle strutture dove non sono mai stato, o servizi che non ho mai utilizzato prima.
Acquisto talvolta i coupon ma purtroppo molte volte non riesco a utilizzarli prima della loro scadenza, pertanto penso di diminuire questa attività o di continuare a farlo saltuariamente.
Acquisto i coupon soprattutto per usufruire dello sconto e raramente acquisto nuovamente un servizio o torno in una struttura a "prezzo pieno".
Solitamente acquisto un coupon soltanto se conosco già la struttura o il servizio offerto, non voglio fregature.
Mi è capitato spesso di prendere delle fregature o di non essere servito alla stregua degli altri clienti, pertanto penso che non acquisterò più coupon.
Non ho mai acquistato un coupon.

Mostra i risultati (1702 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 dicembre


web metrics