Un SMS per bloccare i telefonini rubati

Grazie al recente accordo sottoscritto dai gestori telefonici italiani, e in seguito all'annuncio di una nuova tecnologia per bloccare i telefonini di cui è stato segnalato il furto, in futuro rubare un telefonino potrebbe diventare davvero poco conveniente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-01-2002]

Il furto di cellulari è un reato sempre più diffuso, tanto che solo in Italia si calcola siano circa centomila i cellulari rubati o smarriti ogni anno.

La notizia della nuova tecnologia per bloccare i telefonini rubati arriva a pochi giorni dall'accordo sottoscritto dagli operatori italiani per salvaguardare i loro utenti, accordo teso a collaborare nella prevenzione dei furti di terminali radiomobili.

Infatti proprio qui in Europa è nato un mezzo per scoraggiare la sottrazione di telefonini: è stato studiato un sistema, operante su rete GSM tramite l'invio di un SMS in codice, in grado di bloccare completamente le funzionalità del cellulare oggetto del furto.

La società produttrice del software che sarà utilizzato per scoraggiare i ladri è l'inglese Magic4 ed il servizio ha preso il nome di Phoneguard. Questo software ha già destato l'interesse di vari operatori e costruttori di terminali e dovrebbe essere lanciato commercialmente entro la metà del 2002.

Vediamo nel dettaglio come funziona questo sistema: ogni telefonino ha, oltre al codice riportato sulla SIM Card (la tesserina dell'operatore, quella che collega il numero di telefono all'apparecchio utilizzato) un altro codice, meno conosciuto, detto IMEI (International Mobile Equipment Identity), che identifica il cellulare stesso ed è un codice univoco che il costruttore attribuisce a tutti i suoi prodotti. Questo codice è riportato su tutte le confezioni dei telefoni che acquistiamo, o reperibile premendo *#06# sul tastierino numerico di qualsiasi cellulare.

Nel momento in cui viene fatta denuncia di furto, le forze dell'ordine diramano l'IMEI dell'apparecchio sottratto illegalmente agli operatori.

Bene, la forza di questo sistema sta nel fatto che questo IMEI non cambia, anche se al nostro cellulare rubato viene sostituita la SIM Card. Quando il malfattore si collega alla rete, invia la richiesta di accesso riportante sia il codice SIM che quello IMEI.

A questo punto l'operatore cui il delinquente si collega è in grado di inviare quel messaggio di cui parlavamo prima, ed il telefono diventa inutilizzabile fino a revoca del divieto di utilizzo da parte del gestore della rete, fino a quando, cioè, il telefono non viene restituito.

Si potrà anche rintracciare il terminale tramite triangolazione di ponti radio, come se si utilizzasse un sistema GPS, al fine di indicare alle forze dell'ordine la posizione del telefonino rubato e conseguentemente quella del ladro.

Finalmente, a distanza di anni, gli operatori si sono accorti delle ragioni per cui quel numerino era stato creato dai costruttori ed hanno trovato un modo intelligente per sfruttarlo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

ciao dalianna... direi che puoi stare tranquilla... anche se in questi giorni è tutto un fiorire di illecite intercettazioni telefoniche, fiscali e quant'altro...non è proprio pensabile che basti digitare due numeri sulla tastiera del proprio cellulare per sapere se si è "sotto controllo". Leggi tutto
28-10-2006 15:21

codice a 17 cifre Leggi tutto
28-10-2006 14:58

{Gabriella}
Non è davvero sempre così... Leggi tutto
22-10-2005 22:56

daniele
e come mai ??????? Leggi tutto
18-9-2004 21:15

sara
telefonino sotto controllo Leggi tutto
10-8-2004 16:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Annunci come quello di NVIDIA sull'appliance GRID per il Cloud gaming suggeriscono che il fenomeno stia acquisendo rilevanza, ma storie di insuccesso come OnLive sembrano indicare mancanza di trazione tra gli utenti. Hai qualche esperienza in merito?
Sì, e sono stato soddisfatto
Sì, ma sono rimasto deluso
No, ma penso che possa avere successo
No, e fallirà perché ci sono alternative più interessanti per videogiocare

Mostra i risultati (194 voti)
Maggio 2021
WhatsApp cambia le regole, ma niente panico
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Bye bye, Emotet
Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano
Aprile 2021
Office manda in pensione Calibri: quale nuovo font preferite?
Windows 10, arriva l'Eco Mode per far tornare scattante il Pc
Microsoft pronta a lanciare Cloud PC, il desktop in streaming
Aggiornamento Windows 10, problemi di tutti i tipi
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 maggio


web metrics