Sharp Netwalker, il mini-netbook con Ubuntu

Dotato di schermo da 5 pollici e processore Arm, il PC-Z1 Netwalker è in grado di fare il boot soli 3 secondi e restare acceso per 10 ore.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-08-2009]

Sharp PC-Z1 Netwalker 5 pollici Ubuntu 9.04 Arm

Mentre la tendenza generale nel settore dei netbook sembra essere l'adozione di schermi sempre più grandi e processori Intel, Sharp va controcorrente presentando il PC-Z1 Netwalker, un ultraportatile basato su Cpu Arm e display da 5 pollici.

Il cuore del Netwalker è il processore Freescake i.MX51 (basato sul core Arm Cortex-A8), che lavora a 800 MHz ed è affiancato da 512 Mbyte di Ram.

Per la memorizzazione dei dati c'è un'unità Ssd da 4 Gbyte - 2 dei quali occupati da Ubuntu 9.04 per Arm - espandibili tramite lo slot Micro Sdhc.

Lo schermo, pur presentando una diagonale di soli 5 pollici, arriva a una risoluzione di 1024x600 pixel e supporta la tecnologia touch: in dotazione con il netbook viene fornito anche uno stilo, oltre a un trackpad ottico che funge da mouse.

Il resto della dotazione hardware comprende la connettività WiFi 802.11 b/g, una porta Usb 2.0 e una miniUsb; la durata della batteria non rimovibile, secondo quanto dichiarato da Sharp, è pari a 10 ore.

Le dimensioni sono di 161.4 x 108.7 x 19.7 mm, il peso è di 409 grammi e la tastiera Qwerty è pari al 68% di una normale tastiera per notebook.

La dotazione software comprende Mozilla Firefox, Thunderbird, OpenOffice, Adobe Flash Lite e diverse utilità Ubuntu. Il sistema operativo è in grado di effettuare il boot in soli 3 secondi.

Disponibile in bianco, nero e, da ottobre, rosso, il Netwalker sarà in vendita in Giappone a 44.800 yen (circa 330 euro) a partire dal 25 settembre. Ancora non ci sono informazioni su un'eventuale diffusione nel resto del mondo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Il signor Paolo dovrebbe leggere meglio i testi, non sono le CPU MIPS ad essere difficili da trovare ma bensi il processore Dragoon sviluppato dai cinesi copiando in maniera non autorizzata le tecnologie MIPS. Quindi non sono state dette falsità riguardo al fatto che è difficile vedere fuori dai mercati cinesi una esportazione regolare... Leggi tutto
8-9-2009 17:26

{paolo del bene}
se solo si leggesse... Leggi tutto
8-9-2009 02:39

Il microprocessore del lemote è una copia non autorizzata del core MIPS,per questo è molto difficle vederlo fuori dal mercato cinese attraverso i canali ufficiali, dato che oggetto di molte cause per violazione di brevetto. :o Lo schermo del lemote con una diagonale di meno di 9 pollici lo colloca nella fascia bassa del mercato ma... Leggi tutto
6-9-2009 22:19

{paolo del bene}
c'è di meglio Leggi tutto
6-9-2009 13:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A inizio millennio per lavorare nella new economy bisognava trasferirsi nelle grandi città, soprattutto Milano. Oggi la banda larga si è diffusa, ci sono nuove piattaforme di collaborazione ed è cambiato l'approccio al lavoro. Alla luce di questo...
Abito in una grande città e qui rimarrò.
Abito in una grande città ma sto valutando di trasferirmi in provincia.
Abito in provincia e non mi sposterò di certo.
Abito in provincia ma sto valutando di trasferirmi in una grande città.
Abitavo in una grande città ma mi sono trasferito in provincia.
Abitavo in provincia ma mi sono trasferito in una grande città.
Città o provincia non fa grande differenza, ma mi sono trasferito (o sto valutando di trasferirmi) all'estero.

Mostra i risultati (1554 voti)
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Fregare Big Pharma con il vaccino
Tutti gli Arretrati


web metrics