Una terapia genica curerà il daltonismo

La sperimentazione su due scimmie scoiattolo ha avuto pieno successo: dopo il trattamento sono in grado di vedere i colori prima invisibili.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-09-2009]

Terapia genica cura daltonismo scimmia scoiattolo

La strada verso la realizzazione di una cura per il daltonismo è aperta o, almeno, la sperimentazione sugli animali lascia ben sperare: la chiave è la terapia genica.

Dieci anni fa Jay e Maureen Neitz, docenti dell'Università di Washington, hanno iniziato ad addestrare due scimmie scoiattolo (Dalton e Sam) per creare un sistema che consentisse agli animali di comunicare ai ricercatori i colori che vedevano.

All'Università della Florida un gruppo di scienziati, coordinato da William H. Hauswirth, ha nel frattempo sviluppato una tecnica per il trasferimento genico che sfrutta un adenovirus innocuo per inserire un gene sano nella retina di un soggetto malato di daltonismo per produrre i pigmenti sensibili al rosso e al verde.

L'unione degli sforzi di entrambi i gruppi ha permesso di applicare la tecnica sviluppata dal team di Hauswirth sulle scimmie dei Neitz, daltoniche dalla nascita.

Dopo cinque settimane dal trattamento, la terapia ha iniziato a fare effetto e dopo 20 settimane le scimmie scoiattolo hanno iniziato a vedere i colori che prima non vedevano: "gli animali trattati rispondevano inequivocabilmente ai colori che prima erano per loro invisibili" ha dichiarato Hauswirth.

Jay e Maureen Neitz considerano Dalton e Sam un po' come i loro figli: "sono ormai due anni che vedono a colori e continuiamo a controllare la loro visione, permettendo loro di giocare al computer" hanno spiegato.

Grazie ai risultati ottenuti, ora è possibile ipotizzare una terapia genica che curi il daltonismo umano ma anche l'acromatopsia, la retinopatia diabetica e la degenerazione maculare.

Naturalmente prima di arrivare al risultato sarà necessario affrontare i trial clinici sull'uomo ma il fatto che nei due anni passati dal trattamento Dalton e Sam non abbiano avuto effetti collaterali lascia ben sperare.

Inoltre il team della Florida ha sviluppato la propria tecnica proprio pensando alle applicazioni sull'uomo: "Abbiamo usato DNA umano, così da non dover operare cambiamenti quando passeremo ai trial clinici" ha rivelato Hauswirth.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'app che aiuta i daltonici a distinguere i colori
Gli occhiali che donano la visione del colore ai daltonici

Commenti all'articolo (5)

@ {utente anonimo} Ti sei inserito in una discussione vecchia di sette anni: chissà dove potrebbero essere oggi le due scimmiette ... :wink:
31-7-2016 20:20

{utente anonimo}
Ho i miei seri dubbi riguardo l'autentica situazione di daltonismo iniziale delle scimmie: chi lo garantiva?
31-7-2016 08:57

Adenovirus Leggi tutto
19-9-2009 17:26

non vorrei dire una cavolata, ma se l'adenovirus muta sono 'azzi. comunque, se funziona, credo ci si butterà anche a curare la fibrosi cistica.
18-9-2009 09:07

WoW è strabiliante quello che sono riuscitia fare chissà se in questo mondo governato dalla religione riusciranno mai ad applicare questa pratica/cura all'uomo, ai posteri l'ardua sentenza.
18-9-2009 08:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A inizio millennio per lavorare nella new economy bisognava trasferirsi nelle grandi città, soprattutto Milano. Oggi la banda larga si è diffusa, ci sono nuove piattaforme di collaborazione ed è cambiato l'approccio al lavoro. Alla luce di questo...
Abito in una grande città e qui rimarrò.
Abito in una grande città ma sto valutando di trasferirmi in provincia.
Abito in provincia e non mi sposterò di certo.
Abito in provincia ma sto valutando di trasferirmi in una grande città.
Abitavo in una grande città ma mi sono trasferito in provincia.
Abitavo in provincia ma mi sono trasferito in una grande città.
Città o provincia non fa grande differenza, ma mi sono trasferito (o sto valutando di trasferirmi) all'estero.

Mostra i risultati (1524 voti)
Agosto 2020
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Tutti gli Arretrati


web metrics