Telecom deve rinunciare a mezzo miliardo di rimborso

Il Consiglio di Stato ha negato il rimborso di 530 milioni che Telecom pretendeva per il canone versato nel 1998.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-12-2009]

Telecom Italia negato rimborso canone 1998

A partire dal primo gennaio 1999 nell'Unione Euroepa è entrata in vigore la normativa che ha comportato la liberalizzazione del settore delle telecomunicazioni anche in Italia; fino all'anno precedente era invece possibile ottenere la concessione esclusiva di fornitura del servizio versando un canone allo Stato (titolare del servizio), pratica che Telecom seguiva: lei pagava e lo Stato le lasciava esercitare il monopolio.

Nel 2000 Telecom ha deciso che il canone versato per il 1998 (dunque prima che entrasse in vigore la liberalizzazione) avrebbe dovuto esserle rimborsato; nella fattispecie voleva 386 milioni per Telecom Italia e 142 milioni per Tim, per un totale di 528 milioni.

Dopo quasi dieci anni di iter giuridico - e dopo una sentenza della Corte di Giustizia Europea che dava sì ragione a Telecom ma lasciava al giudice nazionale il compito di verificare se il canone servisse per poter esercitare il servizio, come in effetti era - il Consiglio di Stato ha negato la concessione del rimborso: Telecom resta a bocca asciutta.

"La ragione della permanenza del canone per il 1998" - ha spiega il Consiglio - "va individuata nel mantenimento per tale anno del peculiare rapporto concessorio, nel cui ambito il canone costituiva il corrispettivo dello svolgimento di un servizio, la cui titolarità sarebbe altrimenti restata in capo allo Stato".

In sostanza il Consiglio di Stato chiarisce che la richiesta di Telecom non ha alcuna base, dato che quanto pagato è né più né meno di quanto doveva per detenere il monopolio per l'ultima volta.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Mi sa che ci toccherà sorbirci un'altro aumento del canone. :splat: Tanto alla fine la pagano sempre i soliti (cioè noi :ballo: ).
10-12-2009 01:20

mah, forse se rimborsavano i soldini a Telecom poi, ancora forse, avrebbe abbassato il costo dell'adsl o del canone agli utenti come me ..... :rolling: ciao
2-12-2009 14:08

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1934 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics