I motori di ricerca si vendono i dati degli utenti?

I dati personali degli utenti sarebbero in vendita: pubblicate sul web le "prove". Yahoo minaccia azioni legali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-12-2009]

Yahoo chiusura Cryptome vendita dati utenti

Da tempo si sospettava che motori di ricerca, gestori di account email e i social network potessero fare un uso per lo meno "inappropriato" dei dati degli utenti da essi custoditi; e sebbene la cosa possa sembrare di per sé non del tutto illegale - all'insegna del tutti i mezzi sono leciti se anche i fini sono leciti - parrebbero oggi giustificate le peggiori apprensioni in merito alla destinazione finale degli archivi.

L'affaire Yahoo, recentemente emerso, sarebbe legato alle rivelazioni fatte da Cryptome circa la vendita a enti pubblici autorizzati e ad agenzie governative proprio dei dati personali e sensibili degli utenti.

I fatti sono noti. In un documento online uno studente universitario, certo Christopher Soghoian, ha reso pubblico una specie di "tariffario" delle informazioni e dati sensibili degli utenti; detto tariffario è infine stato messo stabilmente online dal sito Cryptome che da sempre si occupa di privacy, crittografia e "segreti" più o meno accessibili.

Il bello (o il brutto, a seconda delle opinioni) è che a quanto si apprende pare che i venditori di dati fossero molteplici - da SBC a Nextal, da GTE a Cingular e Cox Communication - sebbene il tariffario non fosse di pubblico dominio ma riservato unicamente agli ambienti governativi.

Resta il fatto che soltanto Yahoo! avrebbe tentato invano di bloccare la pubblicazione (disponibile su Cryptome sotto forma di file Pdf) dei dati raccolti, forse perché indicativi delle dimensioni e profondità del fenomeno, sventolando infine il solito spauracchio della richiesta (astronomica) di danni derivanti dalla mancata vendita.

Ma la cosa non finisce qui. Pare infatti che, sebbene nessuno stia riuscendo a "tappare la bocca" all'impavido divulgatore, Verio/NTT - il fornitore d'accesso di Cryptome - abbia deciso su consiglio del proprio staff legale di chiudere il sito contestato, secondo quanto riferisce il sito Make Install.

Si tratta di una chiusura senza giustificazione alcuna se si eccettua un laconico comunicato da cui si evince un non meglio specificata "violazione delle policy aziendali".

Ovvio che a questo punto prendano corpo i peggiori sospetti di diffide governative e ingerenza istituzionale nella vicenda, soprattutto per la mancanza di adeguate motivazioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

I motori di ricerca si vendono i dati degli utenti? NON I MIEI....:twisted:
15-12-2009 23:48

{Tecnostalgico}
Ogni tanto, quando faccio la pastasciutta... Leggi tutto
14-12-2009 17:34

Ma e' ovvio. Se non se li vendono che li raccolgono a fare? Fatica inutile. Per ottimizzare gli AD pubblicitari? OK ma questa gente deve fare soldi, i computer costano (figurati i server), le linee costano, il personale costa. Come campano? Finanzia CIA e soci per avere profilazioni a costo minimo e su base volontaria? Forse, anche. Ma... Leggi tutto
14-12-2009 15:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come preferisci seguire gli aggiornamenti di Zeus News?
Apro Zeus News nel browser e vedo se ci sono novitÓ
Sono iscritto alla newsletter
Sono abbonato ai feed RSS
Seguo le novitÓ dal Forum dell'Olimpo Informatico
Seguo le novitÓ da Twitter
Seguo le novitÓ da Facebook
Tramite un altro sito che aggrega le notizie
In altro modo (suggeriscilo nei commenti!)

Mostra i risultati (6182 voti)
Marzo 2020
Windows 10, l'aggiornamento causa problemi di connessione
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics