Facebook impedisce il suicidio virtuale

Semplice e irreversibile come un colpo di pistola alla tempia, un sito permette di cancellare definitivamente il proprio profilo sui social network. Ma Facebook lo blocca.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-01-2010]

eut

Abbiamo tutti nella mente il ricordo della struggente morte progressiva di Hal, il computer assassino di Odissea nello spazio disattivato perché ormai fuori controllo; altrettanto si starebbe verificando per quanto riguarda i social network, che nonostante le promesse dei gestori rendono pressoché impossibile abbandonarli cancellando tutte le proprie referenze.

Del resto, sarebbe strano si verificasse il contrario; programmi belli, accattivanti, facili da usare e soprattutto gratuiti, sono in realtà veri e propri collettori di informazioni personali e riservate dei propri utilizzatori, come ormai tutti sanno; il problema perciò non può essere ristretto al puro e semplice disuso in attesa che i propri dati diventino obsoleti, ma occorre un "cancellino" di altrettanto agevole impiego e alla portata di tutti.

Sino a ieri pressoché impossibile l'abbandono, è ora attivo un sito denominato Web 2.0 Suicide Machine (Macchina per suicidarsi nel Web 2.0) che permette gratuitamente a tutti quelli che non ne possono più di Myspace, Facebook, Twitter, LinkedIn e compagnia bella di uscirsene una volta per tutte dalle piazze virtuali che in breve sono state percepite come vere e proprie prigioni dalla sbarre invisibili.

Stando a quanto asserito dai gestori del sito degli aspiranti suicidi virtuali, seguendo i metori ordinari un utente medio di Facebook potrebbe metterci una diecina di ore per cancellare o a rendere invisibile le proprie tracce sul network: usando invece Suicide Machine il tempo si ridurrebbe a meno di un'ora.

Il dubitativo è d'obbligo; non tanto perché non c'è modo di controllare le asserzioni, quanto perché per cancellare il proprio profilo occorre fornire al gestore i dati che ne permettono l'accesso; in sostanza, nulla garantisce che il profilo non venga "fotografato" prima di essere distrutto, ovvero che venga semplicemente spostato su pagine irraggiungibili dal titolare in attesa di futuri utilizzi che sarebbero comunque illeciti perché non autorizzati dal "suicida".

D'altra parte l'invito dl gestore è accattivante, confermando il comune sentire circa le possibili violazioni delle libertà individuali effettuate dai social network, a cominciare dalle difficoltà di cancellarsi; e dà il tocco finale col pennello della (asserita) sincerità, dichiarandosi consapevole delle difficoltà psicologiche in cui potrebbero dibattersi gli utenti dopo essersi privati dell'oggetto del loro amore/odio.

Un'avvertenza per l'uso: "Attenzione, una volta avviato il suicidio virtuale, la progressione è inarrestabile". Nulla da eccepire, purché effettivamente si tratti di un suicidio assistito e non di un trasferimento d'urgenza del presunto cadavere in una clinica convenzionata e specializzata in asportazione e trapianto d'organi.

Tuttavia Facebook non approva l'utilizzo della Suicide Machine e da qualche giorno ha bloccato l'accesso da quel sito. In pratica, non è più possibile "suicidare" il proprio account. Un rappresentante di Facebook ha dichiarato: "Facebook permette a chi non vuole più utilizzare il sito di disattivare il proprio account, oppure di cancellarlo completamente. La Web 2.0 Suicide Machine raccoglie le credenziali di accesso e di cancellare le pagine di Facebook, che è una violazione della nostra policy, pertanto l'abbiamo bloccata."

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

è "la macchina" che sta arrivando, non preoccuparti, tutto come nei piani.... P.S. NON sono un fanatico di MATRIX, ho visto solo il primo, in tv, ma che in fondo siamo tutti vittime di un complotto è oramai evidente (tu lavora schiavo, io mi arricchisco alle tue spalle... e ti faccio credere che è giusto così) Leggi tutto
8-1-2010 16:34

appunto ... fosse almeno retribuito 8) capirei l insistenza di certe persone... ma non lo è!! anzi la retribuzione te la toglie (se si usa in ufficio per esempio, al di fuori delle pause lavoro) Leggi tutto
8-1-2010 15:24

Ormai FB è diventato troppo pieno di applicazioni e la gente crea gruppi spesso senza senso. Mi sono arrivati inviti a gruppi con nomi proprio insensati, ma che gusto c'è, più che altro chi avrebbe il tempo di gestire tutto, gruppi, profilo, applicazioni. Un vero bordello. :djparty:
8-1-2010 13:24

giustissimo fulmine... troppi modi di pensare, e a finire a litigare è una volata. che , come spesso capita , se la persona la conosci in carne e ossa può pure far finta di niente quando vi rivedete.. ma se non la conosci può prendere delle pieghe inaspettate. io dapprima, testa calda come sono (mi conosco) , ci finivo pure io a... Leggi tutto
8-1-2010 13:15

Io ci sono iscritto da un annetto circa e ultimamente i miei login scarseggiano, come dice diegoT, troppa gente, troppe teste e troppi mondi che alla fine da un discorso magari un pò serio o importante per l'utente iniziale si arriva allo sbando totale che alla fine non si capisce qual'era il filo. Per me ormai è diventato un network che... Leggi tutto
7-1-2010 14:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di queste affermazioni sul ruolo del digitale nella fotografia è secondo te più corretta?
Ha svilito l'arte fotografica. Oggi conta più essere bravi con i programmi di fotoritocco che dei buoni fotografi
L'era digitale è quella del falso. Praticamente non esiste foto su giornali, calendari e manifesti che non venga alterata al computer prima della pubblicazione.
Moderno strumento di democrazia, il digitale ha consetito di avvicinare per qualità il mondo degli amatori a quello dei professionisti.
I vantaggi economici e tecnici dello scattare in digitale hanno riportato interesse nella fotografia, che in ambito non professionale stava soccombendo sotto la diffusione delle videocamere.

Mostra i risultati (4581 voti)
Ottobre 2020
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Tutti gli Arretrati


web metrics