Eric Schmidt in ansia per il futuro della lettura

Il Ceo di Google teme che i bambini di oggi perdano ogni interesse nell'approfondimento a causa dei dispositivi che stanno sostituendo i libri.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-02-2010]

Eric Schmidt lettura libri

Eric Schmidt, Ceo di Google, è preoccupato: teme che l'utilizzo di dispositivi alternativi ai libri tradizionali mini nei bambini la capacità di comprendere un testo scritto.

"Ciò di cui mi preoccupo è la 'lettura approfondita'" ha spiegato Schmidt al World Economic Forum di Davos: "Mentre il mondo si rivolge a questi dispositivi istantanei passa meno tempo a leggere ogni forma di letteratura: libri, riviste e via di seguito".

Schmidt teme che l'approccio superficiale ai testi, ridotti a rapide informazioni senza alcun approfondimento, sul lungo periodo possa danneggiare l'apprendimento.

Allo stesso tempo l'amministratore delegato di Google ritiene che i videogiochi abbiano una loro utilità nella crescita dei ragazzi, migliorando la loro coordinazione occhio-mano e il ragionamento strategico.

Le considerazioni dell'amministratore delegato di Google hanno tutta l'aria di avere un bersaglio preciso, seppure mai nominato, ossia l'iPad di Apple, da poco presentato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Vedo un solo problema.... I LIBRI COSTANO TROPPO! per colpa degli editori, come nel caso della musica è colpa delle major, abituate a guadagnare cifre di rilievo sul singolo pezzo... sai quante volte mi trovo al reparto libri di un supermercato, prendo un libro in mano, magari è anche interessante, ma una volta guardato il prezzo,... Leggi tutto
2-2-2010 13:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Alcuni anni fa, L'Agenzia delle Entrate pubblicò sul web i redditi dei cittadini; poi, dopo l'intervento del Garante Privacy, li mise offline. Questi dati secondo te devono essere disponibili su Internet?
No
Non saprei

Mostra i risultati (5461 voti)
Marzo 2021
Come difendersi da un robot di Boston Dynamics
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 marzo


web metrics