Pronto al debutto il primo telefonino WiMax

HTC presenta lo smartphone Supersonic. Sprint Nextel tenta di imporre il WiMax a scapito di LTE.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-03-2010]

HTC Supersonic Sprint Nextel WiMax

Anche se il WiMax sembra aver perso parte dello smalto iniziale - non per carenze tecniche, ma perché gli operatori sembrano preferire altre soluzioni per loro più economiche - è ancora presto per parlare di una tecnologia già morta: Sprint Nextel presenterà uno smartphone progettato per usare la rete 4G.

Anche se forse non sarà il primo telefonino WiMax in senso assoluto, il modello proposto da Sprint - un Htc Supersonic, pare - sarà ampiamente spinto dall'operatore americano, che sta investendo parecchio denaro nella costruzione dell'infrastruttura di rete necessaria, e debutterà già la prossima settimana.

Entro la fine dell'anno la rete WiMax Usa raggiungerà infatti 120 milioni di potenziali clienti tramite Clearwire, partner di Sprint, cui è affidato il compito di creazione della rete.

L'Htc Supersonic è uno smartphone basato sul processore Snapdragon a 1 GHz, con schermo touch da 4,3 pollici e sistema operativo Android 2.1; è dotato anche di bussola, accelerometro, Gps, Bluetooh e fotocamera da 5 megapixel.

Il debutto del Supersonic, in origine, non era atteso così presto: l'anticipazione potrebbe essere un segno dell'urgenza di Sprint nel creare una solida base WiMax per la telefonia cellulare al fine di arginare l'avanzata di quanti sostengono la tecnologia concorrente LTE, AT&T e Verizon in testa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

{Gino Latino}
in hspa sono andato sotto credito tim di centinaia di euro per un allegato di 100 mega in 2 minuti ed ho riavuto la scheda funzionante dopo due mesi...
13-4-2010 10:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1221 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics