Fotocopie nelle scuole? Illegali!

Spesso, negli istituti di istruzione elementare e media, gli insegnanti utilizzano le fotocopie di una o due pagine dei libri a disposizione della scuola per permettere agli studenti di approfondire le materie istituzionali. Pare che questa pratica sia tacciata di illegalità da parte della SIAE. In realtà, questa questione ha del paradossale. Affrontiamo questa tematica con le dovute osservazioni, alla luce degli aspetti legali più recenti e gettiamo pure uno sguardo sul resto dei Paesi europei.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-05-2002]

Nei suoi aspetti concreti, si delinea da una parte la necessità di supportare l'insegnamento nelle scuole inferiori con materiale didattico ulteriore ai pochi e costosi libri di testo; d'altra parte, il legislatore italiano intende tutelare i diritti economici degli autori.

In linea teorica, ovvero secondo l'art. 70 della l. 633/41 (legge sul diritto d'autore), la riproduzione di brani o parti di opera a scopo didattico, di discussione e di critica è libera. Ma questo assunto subisce una serie di rigidi limiti che ne riducono considerevolmente la portata. In realtà, la copia multipla, ad uso degli allievi degli istituti inferiori, risulta essere illegale, perché, come sottolinea la SIAE nelle FAQ presenti nel sito ufficiale, non è ancora stato raggiunto un accordo specifico tra gli Editori e il Ministero della Pubblica Istruzione che preveda altresì un "equo compenso" da corrispondere agli aventi diritto. Tutto questo, se vogliamo, dal 1941...

I dati testuali a riferimento sono la legge sul diritto d'autore e successive modifiche, il Regio Decreto n. 1369 del 1942 (che stabilisce, all'art. 22, i limiti alla reprografia) e la Convenzione di Berna, così come attualmente in vigore, che ripete i limiti dettati dalla legge sul diritto d'autore.

Sono libere e lecite, pertanto, le fotocopie ad uso personale nei limiti del 15% dell'intero volume o fascicolo presso le biblioteche o altri centri di riproduzione ed è altresì lecita la reprografia totale di un'opera all'interno di una biblioteca e per uso della biblioteca stessa, e non per altri usi, anche individuali degli utenti.

Senza peraltro tirare in ballo eventuali fini di sfruttamento commerciale, è palese ravvisare, nella nostra legislazione sul tema, una violazione eclatante del diritto all'apprendimento da parte dei bambini, i quali, essendo appunto così piccoli, non sono materialmente in grado di procurarsi i materiali didattici utili alla loro individuale formazione, ai fini del cosiddetto "uso personale".

L'Unione Europea, con la decisione 2000/278/CE, si è adeguata ai due Trattati OMPI sul diritto d'autore varati a Ginevra nel 1996. A seguito di essa, nel maggio 2001, è stata emanata la Direttiva CE n. 29, cui l'Italia dovrà uniformarsi entro il 22 dicembre prossimo.

Il nostro Paese dovrà considerare la possibilità di determinare eccezioni e limiti in relazione alla prassi della reprografia, dichiarandola non soltanto "tollerata", ma altresì lecita, ad esclusivo sostegno della cultura e a favore dei meno abbienti (la scuola pubblica, ricordiamolo, è un diritto ed un obbligo di tutti!), valutando il diritto allo studio come prevalente ed imprescindibile contro il mero (e relativamente gratificante) diritto economico dell'autore, in linea con gli altri Paesi europei.

Speriamo si ricorderanno dei più piccoli...

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che rapporto d'aspetto ha il tuo monitor?
4:3
16:9
16:10

Mostra i risultati (1914 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 agosto


web metrics