Le aziende cinesi assumono figuranti bianchi

Per fare bella figura, aziende cinese cercano uomini occidentali che impersonino dipendenti e partner d'affari.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-07-2010]

Aziende cinesi falsi dipendenti bianchi

"La faccia è più importante della vita stessa": secondo Zhang Haihua, autore di Think Like Chinese è questo un detto cinese che sta diventando sempre più vero per quanto riguarda le aziende, le quali assumono o affittano attori occidentali perché impersonino dipententi e dirigenti.

Il ragionamento è in sé semplice: le nazioni occidentali sono sviluppate, e dunque i loro abitanti più ricchi dei cinesi; la logica conseguenza è che un'azienda in grado di assumere degli stranieri sarà piena di soldi e in buoni rapporti con l'estero.

Ecco perché sta prendendo piede un impiego particolare: impersonare un dipendente straniero (il quale non deve fare altro che stare seduto in un ufficio con finestre attraverso le quali i clienti non potranno non vederlo) o, meglio ancora, un partner proveniente da una nazione occidentale.

In quest'ultimo caso l'impiego è più facilmente a breve termine - una sorta di "affitto" - ma anche piuttosto semplice, per chi possiede velleità da attore: è sufficiente presentarsi con l'aspetto di chi è appena sceso dall'aereo, non spiccicare una parola di cinese, magari tenere un convincente discorso in inglese o nella propria lingua madre su quanto sia stata proficua la collaborazione negli ultimi anni, spesso incontrare i clienti, cenare con loro e mostrarsi sempre sorridenti.

I candidati più gettonati per questo lavoro sono attori o modelli (d'ambo i sessi) disoccupati, ma anche insegnanti part-time d'inglese o semplicemente persone che abbiano bisogno di incassare un po' di denaro extra e con qualche abilità di recitazione.

Come recita un annuncio visto su sito cinese: "Ci sono possibilità d'impiego per ragazze carine e uomini che abbiano un bell'aspetto con indosso un completo".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Ricerca del lavoro online: cosa è cambiato nell’anno del covid

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

si ma a colori............. :roll: Leggi tutto
14-7-2010 18:40

SENZA PAROLE.... o meglio: CHE MONDO DI MERDA! :evil:
14-7-2010 15:23

Data la mia disastrosa situazione economica attuale, devo dire che la cosa mi sembra allettante, ancorché del tutto squalificante.
14-7-2010 13:22

Perché non introdurre questa pratica in certi uffici semideserti dei ministeri, della Regione o della Provincia? Potremmo affitare attori che fanno finta di lavorare e almeno qualcuno risponderebbe al telefono.
14-7-2010 10:56

Sono anni che dico ai sindacalisti di casa nostra, quelli più intransigenti (vedi il caso Pomigliano d'Arco per es...) di andare in Cina a sindacalizzare le "masse operaie" come facevano da noi negli anni '70, così anche la loro economia, come la nostra, andrà a ramengo! :evil: Leggi tutto
14-7-2010 02:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Numerosi utenti lamentano disservizi con i coupon-sconto. Quale di questi inconvenienti giudichi più grave?
La difficoltà nell'ottenere i rimborsi (o l'avere come rimborso un altro coupon anziché i soldi).
Non avere un livello adeguato di assistenza al cliente.
L'impossibilità di prenotare un servizio nonostante si sia acquistato il voucher (a causa di scarsa disponibilità da parte di chi eroga quel servizio).
Il trattamento diverso, da parte di chi eroga il servizio, nei confronti di chi paga con un coupon rispetto agli altri clienti.
Il ritardo nella consegna dei prodotti.
La non corrispondenza dell’acquisto effettivo con l’offerta iniziale.
La mancanza di modalità specifiche per i reclami.
Il fatto che l'esercizio per il quale si è acquistato il voucher ha chiuso o il servizio non è più attivo.
La mancata emissione della ricevuta fiscale da parte dei portali.
Non ho mai riscontrato alcuno di questi inconvenienti.

Mostra i risultati (1119 voti)
Dicembre 2021
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 6 dicembre


web metrics