La ragazza che spacciava su Facebook

Organizzava la compravendita sul social network e consegnava l'hashish ai compagni di scuola.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-09-2010]

Ragazza Perugia spacciava su Facebook scuola

Una ragazza residente vicino a Todi, da poco diciottenne, è stata arrestata dai carabinieri con l'accusa di spaccio di stupefacenti: per tutto lo scorso anno scolastico avrebbe venduto hashish ai propri compagni di scuola, stabilendo prezzi e quantità tramite Facebook.

Sia la ragazza che i compratori erano all'epoca minorenni - e per questo del caso si occupa il Tribunale dei minori di Perugia - ma decisamente intraprendenti: invece che utilizzare il social network per scrivere banalità ne avevano fatto uno strumento del loro commercio.

I contatti avvenivano infatti esclusivamente tramite Facebook: lì si stabilivano le quantità, i prezzi e le modalità di consegna; la compravendita, che era l'unico momento di incontro concreto, generalmente avveniva all'interno o nelle vicinanze della scuola. L'articolo continua sotto

Le indagini sono tuttora in corso - per identificare acquirenti e fornitori della spacciatrice - mentre la ragazza si trova in una comunità di Arezzo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Purtroppo è la triste verità... Tanto anche i genitori liquideranno il tutto dicendo che "è una ragazzata, aveva solo bisogno di attenzioni e quindi ha fatto così per quello, non perchè voleva effettivamente mettere su un giro di spaccio, dopotutto chi non si è mai fatto qualche canna da giovane? Suvvia..." Leggi tutto
7-9-2010 15:04

ti sbagli siamo in italia delinquere è figo. Leggi tutto
7-9-2010 14:55

Può darsi, ma il punto è che fare cose che a tutt'oggi sono illegali attraverso quel mezzo è da deficienti. Tutto quello che si fa su FB (proprio tutto, anche le ricerche ed i click) viene registrato ed archiviato indefinitamente. Ma le interazioni de visu e il passaparola verbale sono passati di moda? Leggi tutto
7-9-2010 11:47

Si, infatti non mi sembra una gran notizia, ma d'altronde suppongo che il senso fosse di informare - come capita a volte - sui "metodi" di spaccio. Non che sia una cosa molto utile dirlo in giro, ma per risponderti, penso che lo scopo dell'articolo fosse solo questo: mostrare il punto in cui a volte si spingono i... Leggi tutto
6-9-2010 21:32

{utente anonimo}
ps l'hashish é una droga illegale mentre ne esistono molte altre legali (alcol, sigarette, farmaci) che hanno effetti molto più devastanti e dannosi sia per il fisico che per le interazioni sociali
6-9-2010 21:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3431 voti)
Novembre 2019
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Tutti gli Arretrati


web metrics