Google, il doodle autocelebrativo blocca i PC

L'ultimo logo animato di Google celebra i concetti di velocità, divertimento e interazione. Ma può creare problemi ai computer più datati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-09-2010]

Google Doodle animato palline colorate 12 anni

"L'idea alla base di questo doodle è rappresentare i concetti di velocità, divertimento ed interazione, così come crediamo dovrebbero essere le ricerche effettuate sul nostro motore": così il blog ufficiale di Google presenta l'ultimo logo personalizzato dell'homepage (o doodle, appunto), che è apparso oggi, 7 settembre 2010.

Tante palline colorate si muovono sullo schermo e si riuniscono a formare la scritta Google ma, se vi si posiziona sopra il puntatore del mouse, ecco che le palline si disperdono nuovamente.

Il logo animato, che non è cliccabile e quindi non permette di capire a quale avvenimento si riferisca, ha scatenato in Rete tutta una serie di ipotesi, ma la più probabile è quella che vede nel 7 settembre di 12 anni fa il giorno in cui, in un garage californiano, nacque la società Google.

Ufficialmente, tuttavia, si tratta semplicemente di un omaggio ai tre concetti ricordati più sopra, anche perché la data di nascita di Google è stata "spostata" al 27 settembre.

Non è la prima volta che Google crea un doodle animato: recentemente c'è stato il caso di Pac-Man, che ha portato alcuni utenti a preoccuparsi al punto da chiamare l'assistenza tecnica per liberarsene, ma anche quello di oggi non è scevro da problemi.

Gli utenti di Google dotati di macchine più datate si sono infatti lamentati perché il doodle odierno consuma troppe risorse, causando anche blocchi del computer o almeno del browser e generando negli utenti stessi pensieri che non riguardano esattamente la velocità, l'interazione né tantomeno il divertimento.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 28)

Pensavo di più ... Come il concorrente http://it.ask.com/ :wink: Ciao
11-9-2010 00:31

oppure: https://www.google.com ;)
11-9-2010 00:18

Si potrebbe proporlo alla Google questo accesso minimalista e semplificato. Per esempio: www.googlemin.com :wink: Ciao Leggi tutto
10-9-2010 19:17

insisto, non mi sembra un vantaggio caricare la pagina immagini nello _stesso_ tempo, ma con _meno_ immagini..... :-) il caricamento lento della pagina immagini di google, diventata troppo pesante col nuovo layout, purtroppo non c'entra nulla con la ricerca di termini da riga di comando (che tra l'altro con chrome e' comodissima) :-\ ... Leggi tutto
9-9-2010 11:06

Se mi stessi riferendo a te avrei incluso il tuo nick ;) Quello che mi chiedo è: te hai una connessione cricetosa e ti ostini a caricare www.google.it ad ogni ricerca e a non usare la ricerca rapida del tuo browser? Beh, il logo di google è tornato quello di sempre :) Leggi tutto
8-9-2010 23:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1674 voti)
Ottobre 2019
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
Tutti gli Arretrati


web metrics