L'invasione degli ultralibri

L'era degli ebook elettronici è arrivata, ma gli editori cercano ancora di tenersi strette le esclusive.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-10-2010]

ebook ereader editori

Complici il costo sempre maggiore della stampa cartacea, la diminuzione degli spazi domestici e la crescente offerta dei dispositivi elettronici di lettura, il nuovo anno vedrà probabilmente la consacrazione definitiva degli e-book e dei loro reader tra i prodotti più ricercati sul mercato dei prodotti a tecnologia avanzata.

L'Association of American Publishers stima che a oggi la vendita di testi in formato elettronico (trascinati anche dalle fortune dell'iPad) abbia superato di più del doppio la quota di mercato dello scorso anno, attestandosi sui 270 milioni di dollari.

Per la verità, anche i produttori dell'hardware hanno fatto la loro parte, proponendo miglioramenti e sconti, spesso in collegamento ad uno o più editori che vantano i diritti di pubblicazione cartacea delle varie opere.

È anche prevedibile che a breve si scatenerà un contenzioso tra gli autori ansiosi di recuperare una parte dei diritti ormai insperati e gli editori che si trincereranno dietro fantomatici maggiori costi per compensare i mancati aiuti all'editoria, che normalmente si riferiscono alla carta stampata.

Mentre in Italia l'editoria elettronica è ancora in fase di definizione, con le offerte per ora sulla carta di Mondadori e qualche altro, negli States la situazione è ben diversa: si va agli oltre 700 mila titoli vantati da Kindle al milione e passa distribuiti dal gigante Barnes&Noble e bisogna ancora stimare l'impatto che le disponibilità collegate all'iPad avranno sul mercato.

Cominciano inoltre a delinearsi le varie strategie che mirano a limitare le opere a una sola macchina e a un solo editore, un po' come avviene con i libri da Gutemberg in poi; ma nell'era della digitalizzazione, che poi è l'espressione dell'immaterialità di qualsiasi opera dell'ingegno, la pretesa sembra assai riduttiva anche se in parte comprensibile.

Così per esempio in Francia la piattaforma ePagine sembra aver legato indissolubilmente le opere elettroniche edite da Broken, sotto il benevolo ed interessato patronato del Sindacat National de l'Edition; il reader deputato a sancire l'indissolubile matrimonio sarebbe Cybook Orizon, che registrerà addirittura i parametri in modo che qualsiasi futura operazione dovrà farsi mediante le librerie consorziate.

Intanto l'hardware prosegue nella sua logica evoluzione, anche se a volte in modo un po' strano. Per esempio all'ultimo salone Combined Exhibition of Advanced Technologies (CEATEC), una specie di SMAU del Sol Levante, l'operatore telefonico giapponese KDDI ha presentato un prototipo di tablet semitrasparente, con il touchscreen sul retro di modo che le dita non interferiscano con la visuale.

Occorre ovviamente usare tutte e due le mani perché l'indice, il medio e l'anulare dovranno essere usati per digitare o per la navigazione mentre la posizione delle dita sulla tastiera o sulla pagina web appare sul davanti con un indicatore colorato che ne rivela la posizione.

Il tutto è gestito da un rilevatore infrarosso che si attiva a contatto con le dita e, anche se per ora il sistema non sembra particolarmente ergonomico, forse avrà successo con gli schermi di minor dimensione come quelli degli smartphone.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Tre motivi che spiegano la poca diffusione degli e-book Leggi tutto
21-10-2010 11:58

{leandro}
In questo mondo ci sono persone che conoscono l'umano meglio dell'umano... Fin da ragazzo mi sarebbe piaciuto avere tra le mani un e-reader, ed in effetti qualcosa di simile, con schermino da 2 pollici semigrafico e passivo l'ho avuto. Ma sinceramene, così come è avvenuto con l'Apple, mai mi sarei aspettato il successo di reader con un... Leggi tutto
21-10-2010 09:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali autorizzazioni hai concesso alle applicazioni presenti sul tuo dispositivo mobile?
Non limito l'accesso alle app sul mio dispositivo
Di solito concedo le autorizzazioni su richiesta e non ci penso più
Concedo le autorizzazioni a seconda dell'applicazione e delle sue funzionalità
Non posso modificare le autorizzazioni delle applicazioni

Mostra i risultati (1021 voti)
Agosto 2020
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Tutti gli Arretrati


web metrics