La guida del pedofilo in vendita su Amazon

La Rete protesta per la "Guida del pedofilo" in vendita sul Kinde Store.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-11-2010]

Amazon Kindle guida pedofilo

Proprio mentre Amazon cerca di ingraziarsi gli editori di periodici - aumentando le royalty loro assegnate per ogni pubblicazione venduta in formato elettronico - un libro fino a poco fa presente nel catalogo online sta minando seriamente la percezione dell'azienda da parte degli utenti, che iniziano a chiedersi quali principi la guidino e minacciano il boicottaggio.

Il libro in questione ha un titolo che non si presta a equivoci - The pedofile's guide to love and pleasure, ossia La guida del pedofilo all'amore e al piacere - ed è stato scritto da un certo Philip Greaves.

Secondo il suo autore si tratta di un tentativo "di rendere più sicure le situazioni di pedofili per quei bambini che vi si trovano coinvolti, creando alcune regole che gli adulti dovrebbero seguire".

La sua presenza nel Kindle Store ha sollevato le proteste degli utenti, che si sono affrettati a lasciare commenti indignati chiedendone la rimozione.

In un primo momento Amazon ha risposto che non avrebbe fatto niente: "Amazon crede che sia censura non vendere certi libri semplicemente perché noi crediamo o altri credono che il loro messaggio sia questionabile. Amazon non supporta né promuove gli atti criminali ma supporta il diritto di ogni individuo di compiere le proprie scelte in materia di acquisti".

In un secondo tempo, tuttavia, l'azienda si deve essere resa conto che con quell'uscita non aveva fatto altro che irritare ancora di più i potenziali clienti, e ha così deciso di rimuovere il libro, che infatti ora non è più disponibile.

La Rete è tuttora divisa tra chi sostiene che Amazon non avrebbe dovuto cedere - come sostegno alla libertà di parola che, per essere tale, non dovrebbe contemplare eccezione alcuna - e chi crede che ci siano dei casi in cui porre dei limiti sia non solo possibile, ma doveroso.

Fino a questo momento Greaves era riuscito a vendere soltanto una copia del proprio libro; in circa un giorno, prima che Amazon decidesse di toglierlo dal Kindle Store, è riuscito a entrare nella Top 100 dei libri più venduti, classificandosi al novantaseiesimo posto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Forse conoscere i contenuti prima di sparare a zero potrebbe essere utile; in quanto a chi lo abbia acquistato, bisogna ricordare che per combattere un nemico bisogna conoscerlo e quindi non necessariamente gli acquirenti sono tutti pedofili da perseguire. Scrivere un libro che teorizzi l'uccisione di qualcuno, poi, penso che sarebbe... Leggi tutto
12-11-2010 18:36

Beh certo, così qualcuno potrebbe teorizzare che i nazisti non sono stati poi così crudeli, sterminare 6 milioni di persone nel rassicurante tepore di una doccia calda.... :roll: Non esiste libertà se questa prevarica e violenta quella altrui: la libertà di parola e di pensiero non sono un lasciapassare universale, devono essere... Leggi tutto
12-11-2010 15:36

E se fosse solo il titolo? Leggi tutto
11-11-2010 13:38

{francesco}
Non credo nella retorica della libertà di parola Leggi tutto
11-11-2010 13:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (3502 voti)
Luglio 2020
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Tutti gli Arretrati


web metrics