Sui Freccia Rossa arriva il Wi-Fi

Telecom e il gruppo FS portano l'accesso a Internet sui treni ad alta velocità.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-11-2010]

Freccia Rossa Wi-Fi Telecom Italia FS

Il Wi-Fi arriva sui treni per l'alta velocità: grazie a un accordo con Telecom Italia e a un investimento di 50 milioni, su ogni carrozza treni Freccia Rossa sono stati installati punti di accesso wireless.

I passeggeri potranno così connettersi a Internet dal proprio smartphone, notebook, netbook o tablet.

Ogni treno consente infatti l'accesso a una rete Wi-Fi, che poi sfrutta una connessione HSPA per collegarsi a Internet: Telecom ha installato 74 nuovi nodi per la connettività 3G lungo le linee ad alta velocità, coprendo anche le gallerie.

I 60 treni della flotta Freccia Rossa guadagnano così la possibilità di accedere alla Rete, ma non in esclusiva con Telecom Italia: le infrastrutture sono pronte per ripetere anche il segnale degli altri operatori.

Il Wi-Fi in treno sarà attivo a partire dal 12 dicembre e, fino a fine anno, gratuito.

A partire del primo gennaio dovrebbe entrare in vigore un listino prezzi che sarà stabilito in base alle offerte degli operatori e all'interesse dei viaggiatori.

Il piano di connessione dei treni non si fermerà qui: tra meno di un anno, a partire da settembre 2011, la rete Wi-Fi arriverà anche sui treni Freccia Argento.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Ma in effetti anche ammesso che sia legittimo dare contributi ai trasporti, allora per prima cosa bisognerebbe che questi vengano usati per i trasporti, non per le cose aggiuntive (come avere l'accesso ad internet a bordo). Anche perché sarà un servizio offerto dietro un pagamento aggiuntivo. Sarebbe interessante sapere da dove... Leggi tutto
21-11-2010 12:14

Sarà... ma mi piacerebbe prima che tutti i treni arrivassero a destinazione in orario, che fossero puliti e che non si fosse costretti a restare in piedi per andare a lavoro. Poi, solo dopo aver raggiunto questi standard minimi di civiltà, pensare alla connessione internet. Forse chiedo troppo, non so! :-s
19-11-2010 17:16

e forse bisogna piuttosto chiedersi quanti sono che devono spartirsi questi soldi ... Leggi tutto
19-11-2010 15:58

Perfetto, così io che vado a Napoli il 28 me la prendo in saccoccia... :evil: Attendo fiducioso Montezemolo e Della Valle....
19-11-2010 13:22

Infatti, non si capisce a che pro spendere tutti questi milioni di euro per dare il servizio wi-fi solamente ai viaggiatori di fascia alta e non per i pendolari.
19-11-2010 11:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1430 voti)
Dicembre 2022
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 10 dicembre


web metrics