Tim Berners-Lee: Facebook minaccia il futuro del web

Siti, servizi e applicazioni come Facebook creano dei mondi chiusi: rappresentano una minaccia per lo spirito di apertura e condivisione che ha dato vita a Internet.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-11-2010]

Sir Tim Berners-Lee minacce Web Facebook

Sir Tim Berners-Lee, il creatore del World Wide Web, è sempre stato il paladino di una Rete libera e aperta.

In occasione di un intervento che sarà pubblicato sul numero di dicembre di Scientific American, Berners-Lee ha indicato quali siano oggi le minacce che incombono sul web com'era stato concepito in origine, ossia privo di muri ma nato per la condivisione delle conoscenze.

I primi bersagli degli strali dello scienziato sono le aziende che vorrebbero limitare la distribuzione dei contenuti: certe emittenti televisivi via cavo, che vendono connettività a Internet, vorrebbero che i propri clienti potessero accedere soltanto ai contenuti da loro prodotti.

Lo stesso problema si presenta però anche per certi servizi, anche molto popolari, come Facebook, LinkedIn e Friendster.

Il problema è che ognuno di essi è una sorta di giardino recintato: all'interno del giardino si possono immettere informazioni e vi sono gli strumenti per contattare gli altri ospiti, ma i muri sono alti e condividere il materiale con chi sta fuori non è permesso.

La critica di Berners-Lee è simile a quella avanzata da Google a Facebook per la questione dei contatti di Gmail: Facebook importa i contatti da un servizio esterno, ma impedisce che si possa fare lo stesso con ciò che custodisce.

I siti come Facebook - spiega il padre del web - "assemblano tutti questi pezzetti di dati all'interno di impressionanti database e riutilizzano le informazioni per fornire servizi a valore aggiunto - ma soltanto all'interno dei loro siti. Ogni sito è un silo, separata dagli altri da alte mura. Sì, le pagine sono nel web, ma i dati no".

Il problema sta nella decisione di non utilizzare i protocolli aperti, preferendo invece soluzioni proprietari: non c'è un URI che permette di arrivare direttamente a questo o a quel contenuto di Facebook.

"Le connessioni tra i dati esistono solo all'interno di un sito. Così, più dati si inseriscono più si resta bloccati all'interno. Il pericolo correlato è che un singolo sito di social networking - o un singolo motore di ricerca, o un singolo browser - diventa così grande da costituire un monopolio, il che tende a limitare l'innovazione".

Lo stesso vale per iTunes: "Il sistema di Apple identifica canzoni e video con URI che sono aperti. Ma invece di 'http:' gli indirizzi cominciano con 'itunes:', che è proprietario. Si può utilizzare un indirizzo 'itunes:' solo usando il programma proprietario di Apple".

Berners-Lee non si ferma e include tra i meritevoli di biasimo anche quei giornali che producono apps anziché affidarsi al web, chiudendo così i propri contenuti in una piattaforma ancora proprietaria.

Il problema, insomma, non è Facebook o iTunes, ma la tendenza a ignorare l'ideale di condivisione che ha reso possibile la nascita del web e che incarna lo spirito di apertura e collaborazione di Intenret.

"Sviluppatori, aziende, governi e cittadini dovrebbero lavorare in modo aperto e cooperativo, come abbiamo fatto finora, per preservare i principi fondamentali del web e di Internet. L'obiettivo del web è servire l'umanità" conclude sir Tim. "Lo costruiamo oggi perché chi verrà domani possa creare cose che noi non possiamo nemmeno immaginare".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Solid, il web decentralizzato e distribuito di Tim Berners-Lee

Commenti all'articolo (3)

EffeBì è soprattutto roba da minus habens quando ci si passa più di un'oretta alla settimana, giusto per vedere che aria tira. Il guaio è che ci son troppi ragazzotti (ed anche adulti, purtroppo) che non sono mai stati vaccinati dalle difficoltà della vita, che han sempre trovata facile e con la pappa già fatta per pranzo e cena.
23-11-2010 10:11

{Carlo}
The Social Network Leggi tutto
23-11-2010 00:48

PAROLE SANTE!!!!!!! stiamo diventando sempre piu fece..dipendenti e non solo. il fatto e che vorrebbe un provvedimento da parte degli stati per evitare che non ci siano più tutte quelle restrinzioni o almeno in parte quelle critiche citate nell' articolo da berners, sebbene questa e una frontiera assai difficile da varcare, ma bisogna... Leggi tutto
22-11-2010 22:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1684 voti)
Dicembre 2019
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Tutti gli Arretrati


web metrics