Fa spettacolo e basta lo sciopero dello spettacolo

In tempo di vacche magre la categoria degli artisti chiede i medesimi finanziamenti e regalie del periodo pre-crisi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-11-2010]

Sciopero Artisti

Con l'odierno "sciopero dello spettacolo" sembra tornato in auge il concetto espresso più di cento anni fa dal poeta bolognese Olindo Guerrini con quell'"armiamoci e partite" teso, oggi come allora, a far sopravvivere privilegi di casta, questa volta opportunamente aggiornati e travestiti da insopprimibili istanze culturali.

Sarebbe finalmente ora di distinguere tra gli artisti propriamente detti - quelli cioè riconosciuti per propri meriti acquisiti sul campo - dai 250.000 peones che oggi rivendicano ma vivono bene con poca fatica, anche perché solitamente gli spettacoli dal vivo si tengono di sera o tutt'al più nel tardo pomeriggio e quindi avanza tutta una seria di mezze giornate da dedicare ai fatti propri o, volendo, a un'altra attività.

Non può inoltre essere condivisa l'identificazione tra Cultura e Artisti, sia pure con la maiuscola, perché l'espressione artistica, anche di altissimo livello nel proprio genere, troppo spesso ben poco o nulla ha a che fare con l'Arte.

Altrimenti bisognerebbe ammettere tra gli spettacoli "artistici" anche i giochi gladiatori dell'antica Roma, oggi del resto ben sostituiti dai gladiatori del pallone o del guanto d'oro.

Ben consci di ciò, gli stessi sindacati del settore (SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM, UNDA, FAI, FIDA e via di seguito) non coinvolgono tanto l'aspetto artistico e culturale quanto il mero aspetto monetario: così invocano aumenti, protezione, finanziamento pubblico e stabilizzazione del settore.

Gli stessi si guardano bene dal proporre che rimangano liberi professionisti gli artisti veri e propri, invocando invece l'assunzione di tutti gli altri in un apposito ente pubblico da costituire, il quale finalmente potrebbe gestire senza sprechi l'intero settore.

Evidentemente il dare a Cesare quel ch'è di Cesare suonerebbe troppo male a orecchie avvezze ad ascoltare ben altre sirene e soprattutto il tintinnìo della moneta distribuita a pioggia, indipendentemente dal valore personale e dalla validità della produzione.

Ecco allora che trova ancora buono spazio il sindacalese proprio degli anni '70, con frasi del tipo "concordare la possibilità di accedere alla attivazione di tutti gli strumenti di protezione sociale.... e politiche di riemersione per i settori della produzione culturale e dello spettacolo".

Ancora, s'invoca la creazione di un tavolo interministeriale "che coinvolga i ministeri dei Beni e attività culturali, dell'Economia, del Lavoro, del Turismo, delle Infrastrutture e delle Attività produttive, nonché l'Anci e la Conferenza Stato-Regioni, finalizzato a concretizzare quelle necessarie sinergie e semplificazioni amministrative fondamentali per la riorganizzazione del 'sistema'.

Tutti questi sono semmai temi, finalità e mezzi che dovrebbero servire a svolgere il difficile compito di traghettare la gran parte della nostra economia di sopravvivenza produttiva verso la specializzazione nel prodotto finale di qualità e verso il terziario avanzato, come avviene ormai da decenni nel resto dell'Europa.

In sostanza si assiste all'ennesimo tentativo di trasferire la ricerca di una soluzione praticabile, tenendo conto dei tempi che corrono, alla solita melina inconcludente dei "tavoli" dai quali alla fine gli invitati si possono alzare con una pesante "doggy bag" piena di bocconcini succulenti sotto il pastrano ma tuttavia lamentandosi di essere stati lasciati, loro e i loro rappresentati, a bocca asciutta.

E si potrà magari organizzare l'ennesimo sciopero generale all'insegna del "boia chi molla", senza neppure chiedersi il come e il perché l'entità del risparmio pare sia sempre in ascesa nonostante le rimesse degli immigrati e le centinaia di migliaia di posti di lavoro che continuano a restare scoperti, stando agli Uffici provinciali del lavoro.

Sarà forse perché si tratta di lavori faticosi o privi delle usuali regalie da parte dello Stato e degli Enti un tempo costituiti a tale scopo esclusivo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 15)

Giusto. Ma stan togliendo quasi tutto da tutto, e gli atenei come la ASL sono state per troppo tempo amministrate con criteri politici, creando apposta lavori inutili agli amici degli amici. Eppoi, sui tetti dovrebbero casomai starci i docenti e i loro portaborse; e gli studenti giÓ de tempo avrebbero fatto meglio a manifestare... Leggi tutto
27-11-2010 09:07

@Merlin: gli studenti vanno sui tetti perchŔ la gelmini sta togliendo tutti i fondi all'universitÓ! E non diciamo che non Ŕ vero perchŔ Ŕ una grande cazzata perchŔ la ricerca costa e dovrebbe essere la prioritÓ assoluta per uno stato! @figaroleo: secondo me hai inteso male l'articolo.
26-11-2010 22:08

Non ho dato alcun giudizio politico. Non mi interessano ne' baffone ne' tantomeno la Gelmini. Tutti i lavori, se onestamente svolti, hanno pari dignita'; qualcuno sara' premiato dal mercato con maggiori guadagni, qualcun'altro lo sara' di meno. Sparare a zero su una qualsiasi categoria senza conoscere niente dei meccanismi di lavoro di... Leggi tutto
26-11-2010 20:33

Durante la famosa "congiuntura" alla fin degli anni '60, l'Italia era piena di ingegneri che bucavano i biglietti sui tram; e lo ricorderanno benissimo i milanesi di una certa etÓ. Se i "lavori" si scelgono per passione, occorre esser pronti a pagarne anche le conseguenze, senza banfare oltre. E tra le conseguenze ci... Leggi tutto
26-11-2010 11:52

Incommentabile. Allora se uno da piccolo sognava di fare l'Ingegnere, cosa facciamo, non lo paghiamo? Idem con patate per qualsiasi altro lavoro che uno puo' avere scelto per passione? Tenga conto che qualsiasi passione, quando si trasforma in lavoro, diventa piu' un lavoro che una passione. Altrimenti c'e' la forma di spettacolo... Leggi tutto
25-11-2010 16:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual Ŕ l'espressione pi¨ ricorrente nella tua azienda, tra queste?
Ampia gamma
CapacitÓ comunicative
Creativo
Dinamico
Efficace
Esperienza collaudata
Innovativo
Manageriale
Motivato
Multinazionale
Problem solving
Specializzato
Vasta esperienza

Mostra i risultati (1716 voti)
Agosto 2020
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics