I pericoli del software per deframmentare l'hard disk

Si spaccia per un programma di ottimizzazione, ma è invece un malware che cerca di far cadere in trappola gli utenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-12-2010]

Fake Defrag falso deframmenta hard disk ottimizza

I malware che si spacciano per antivirus, segnalando inesistenti pericoli sui PC dei malcapitati che abboccano scaricando il vero pericolo, sono ormai noti da tempo.

Più di recente è apparso un nuovo pericolo simile a questo: i falsi programmi per deframmentare l'hard disk.

Possono arrivare via email, presentandosi come un nuovo prodotto indispensabile per migliorare le prestazioni del computer, oppure come servizi gratuiti apparsi in finestre pop-up che fingono di analizzare il disco scovando inevitabilmente qualche magagna.

Una volta catturata l'attenzione dell'utente lo convincono a installare un programma, che inevitabilmente è un malware di qualche genere pronto, nel peggiore dei casi, a sottrarre i dati sensibili.

Le precauzioni da prendere sono le solite: non fidarsi di quanto arriva tramite posta elettronica né di sedicenti programmi di ottimizzazione che si propongono in autonomia durante la navigazione nel Web.

Finestre che appaiono all'improvviso e pubblicizzano software con nomi simili a HDD Diagnostic, HDD Repair, PC Optimezer, PC Protection Center o analoghi sono quantomeno sospetti.

Verificare se si tratti di programmi legittimi o software-trappola tramite un qualunque motore di ricerca richiede pochissimo tempo e può salvare da conseguenze potenzialmente serie.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Quoto ercole69! Nel link è riportata una prova fatta ad hoc per mostrare questa balla! Le pre-condizioni non hanno senso per nessun caso reale di utilizzo di linux.
12-1-2011 01:00

La prova fatta al link che hai postato non è significativa considerando solo le % (il file system creato è di soli 256MB e 300inode in assoluto fuori posto sono pochissimi). Il PC che uso al lavoro in modo intensivo da queste statistiche (disco cambiato a ottobre): 471892 inodes used (7.98%) 7678 non-contiguous files (1.6%) ... Leggi tutto
11-1-2011 12:37

Sotto linux e' pochissimo utile l'utility di deframmentazione perche' i dati vengono salvati in modo piu' efficente dal punto di vista della frammentazione, se ne parla anche nei link della pagina che hai riportato. Ormai NTFS e' l'unico file system rimasto a richiedere regolare deframmentazione. Leggi tutto
3-1-2011 17:25

Al massimo vi facciamo un buono per un check up completo utilizzabile un paio di sezioni più sotto :lol:
2-1-2011 20:42

Certo, e magari il 6 gennaio aspettiamo anche che arrivi la befana ?? http://polishlinux.org/apps/cli/defragmentation-of-linux-filesystems/ Credo che un filesystem che non si frammenta o si deframmenta mentre scrivi lo renderebbe probabilmente il file-system più lento del mondo (a meno che non fossimo sul computer dell'astronave... Leggi tutto
2-1-2011 16:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'uomo presto ritornerà sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Può certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben più seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (3870 voti)
Aprile 2020
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Tutti gli Arretrati


web metrics