Con Ultraviolet il DRM diventa cloud

Il nuovo lucchetto digitale proteggerà i contenuti creando una biblioteca online. Gli utenti saranno sempre meno padroni dei loro acquisti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-01-2011]

Ultraviolet DECE DRM cloud

Oltre 50 grandi aziende dell'intrattenimento - tra cui Warner Bros., Philips, Adobe e le immancabili Micrsoft e RIAA - si sono consorziate nel Digital Entertainment Content Ecosystem (DECE) per promuovere e standardizzare un nuovo lucchetto DRM denominato UltraViolet.

Lo standard per ora prevede la possibilità di trasferire i prodotti digitali e i relativi diritti da una piattaforma all'altra e anche tra terminali diversi sfruttando una biblioteca cloud di contenuti.

DECE spiega che sarà possibile creare gratis un account UV per un massimo di 6 persone all'interno di un medesimo gruppo familiare per accedere ai contenuti protetti, disponibili online, da un massimo di 12 terminali certificati per ogni account.

Secondo le intenzioni dei proponenti il nuovo lucchetto, Ultraviolet si applicherà praticamente a tutto - dai prodotti acquistati online a quelli registrati su supporti fisici quali DVD e Blu Ray - con l'obiettivo di impedire anche la copia privata, offrendo in cambio la condivisione sui media di casa propria.

Peccato che, a fronte di un ipotetico "maggior beneficio per il consumatore" sia prevista una sostanziale restrizione rispetto all'attuale situazione, confermando peraltro la convinzione delle major, che si ritengono le proprietarie di programmi di cui i consumatori sono soltanto comodatari a titolo oneroso.

Ancora peggio, pare non si tenga conto del fatto che tutti gli attuali supporti registrabili sono gravati da imposta a favore degli aventi diritto quale corrispettivo per le possibili copie "private", quelle cioè destinate all'uso familiare.

Ma l'aspetto meno simpatico è che forse lo standard al momento attuale sembra non aver sciolto due importanti nodi, il primo dei quali è l'interrogativo circa la necessità o meno di una connessione online - che al momento pare proprio indispensabile - per usufruire del prodotto protetto da Ultraviolet.

A questo proposito tutti ricorderanno quando, a marzo dello scorso anno, i giocatori di Assassin's Creed Silent Hunter - protetto con un DRM simile all'UltraViolet - non poterono autenticarsi per diverso tempo sul server di Ubisoft a causa di un attacco denial of service condotto dai soliti "pirati".

Il secondo interrogativo nasce dal fatto che al momento due pesi massimi del settore quali Apple a Disney stanno fuori dal DECE.

Così i contenuti certificati Ultraviolet potrebbero ed esempio girare liberamente sui terminali della Mela, mentre quelli acquistati su iTunes resterebbero incompatibili con i terminali certificati dal Consorzio.

Incuranti di ciò, i partecipanti al nuovo cartello sperano che i supporti protetti dal nuovo lucchetto digitale saranno disponibili già dalla prossima estate e che la tecnologia sarà ufficialmente accettata da Gran Bretagna, Canada e Australia entro la fine del 2011.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Il cappio del sistema economico si stringe sempre di più intorno al collo dei poveri utenti che pensavano che internet potesse "fare fessi" i detentori dei copyright. Come si sta stringendo attorno al collo di chi pensa che internet possa essere un veicolo di diffusione delle idee indenne dai controlli del sistema. il fatto è... Leggi tutto
19-1-2011 11:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Dicono che il software è la parte del computer contro la quale è possibile solo imprecare, l'hardware è quella che si può anche prendere a calci. Quale hai preso a calci più frequentemente?
Case e alimentatore
Scheda madre
Processore o CPU
Schede video e audio
Hard disk
Lettori Cd / Dvd
Monitor
Stampanti e scanner
Tastiera e mouse

Mostra i risultati (1550 voti)
Maggio 2022
Localizzazione al chiuso grazie al 5G
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Una storia di phishing bancario diversa dal solito: il ladro beffato
Aprile 2022
Una dura lezione dall'Internet delle Cose
Bug nell'app Messaggi, e la batteria si scarica in fretta
Gli USA ottengono l'estradizione di Assange
L'utility che ripulisce Windows 11 è in realtà un trojan
Hacker cinesi sfruttano VLC per diffondere malware
Quando l'intelligenza artificiale bara: l'aneddoto degli husky scambiati per lupi
Che si fa con Telegram? È russo
Lapsus$, arrestati due hacker: sono adolescenti
Registro delle Opposizioni e cellulari, la norma è in Gazzetta Ufficiale
Marzo 2022
Windows 11, video lentissimi in apertura per colpa dell'antivirus
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 17 maggio


web metrics