MySpace licenzia e chiude gli uffici italiani

Perdono il lavoro 500 dipendenti. Il social network ormai in decadenza abbandona la sede nel nostro Paese.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-01-2011]

MySpace licenzia 500 persone chiude sede italiana

A quanto pare non sono serviti a nulla né il rinnovol'accordo con Facebook: MySpace sta rapidamente affondando.

Quello che era una volta il re dei social network sembra aver imboccato una discesa dalla quale non è in grado di riprendersi: l'ultimo atto è il licenziamento di 500 dipendenti, pari al 47% della forza lavoro totale.

Le conseguenze del taglio si ripercuotono anche sull'Italia, dove MySpace chiude completamente la propria sede a parte un piccolo ufficio commerciale, segno concreto del sorpasso operato in rete da Facebook e Twitter.

Volendo dare un'occhiata a quale possa essere il futuro di MySpace, le indiscrezioni affermano che Rupert Murdoch sia pronto a vendere il social network acquistato a suon di milioni nel 2006, ammesso che trovi un compratore: qualcuno ipotizza che Facebook sia interessato a fagocitare i resti del rivale decaduto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Infatti, riuscire ad ignorare le cazzate su facebook mi farebbe proprio felice. Leggi tutto
14-1-2011 15:09

L'ignoranza porta felicità. Leggi tutto
14-1-2011 09:23

E la cosa più incredibile è che non ne sentivamo il bisogno! Leggi tutto
14-1-2011 09:01

E' vero che la new ecomony ha un metabolismo velocissimo; il ciclo di vita delle aziende è rapido e per durare, come Google, Yahoo!, Amazon, Apple, Microsoft, bisogna continuare ad evolversi rapidamente; anticipare il mondo. E' anche vero che in 5 anni queste aziende cambiano il mondo, la vita di tutti i giorni, in modo irreversibile.... Leggi tutto
14-1-2011 08:39

Secondo me è l'incapacità di Rupert Murdoch di gestire queste realtà! Infatti ogni realtà new-economy in sua mano è fallita o soffre. :cry: Certo che chi è capace (vedi facebook) è bel bocconcino da mangiare o aspettare che chiuda per farne uno simile. :twisted: Ciao Leggi tutto
13-1-2011 19:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1671 voti)
Agosto 2019
Bug negli iPhone, ritorna il jailbreaking
Windows 10, errori nel patch Tuesday di agosto
Il cavo USB che permette di violare qualsiasi iPhone
Matteo Salvini condannato per violazione del diritto d'autore
Falla nelle fotocamere digitali, si rischia un'epidemia di malware
iPhone, cambiare la batteria diventa ancora più difficile
Datadrifter: motore di ricerca per bucket di Google Cloud trova dati privati a palate
Lo smartphone senza Android di Huawei arriverà entro la fine dell'anno
Facebook cambia nome a Instagram e WhatsApp
L'85% di tutti i Bitcoin è già stato generato
La carta di credito di Apple debutta in agosto
Luglio 2019
Windows 10, arriva il ripristino via Internet
Il condizionatore portatile di Sony da indossare sotto i vestiti
5G, miti da smontare e paure pilotate
VLC, panico nel Web per una falla estremamente grave
Tutti gli Arretrati


web metrics