Per uno scherzo su YouTube rischia 20 anni di carcere

Pensava di aver creato un video divertente. Ora rischia una condanna per aver prodotto materiale pedopornografico.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-02-2011]

Evan Emory YouTube 20 anni carcere

Evan Emory, cantante ventunenne del Michigan (USA), pensava di aver ideato un bello scherzo da mostrare su YouTube.

Lo scorso gennaio, grazie alla conoscenza di un insegnante, si era esibito davanti agli alunni di una scuola elementare e aveva videoregistrato la propria performance.

Successivamente era tornato nella stessa scuola e si era fatto riprendere da un amico mentre cantava canzoni dal contenuto sessualmente esplicito nella stessa stanza in cui s'era già esibito, che questa volta era però vuota.

Montando i due video in maniera accorta, ne era risultato un filmato in cui apparentemente Emory si esibiva in un concerto dal contenuto discutibile, "davanti" a dei bambini che parevano apprezzarlo molto.

Il video era stato creato per finire su YouTube (e così è stato), oltre a essere mostrato durante un concerto serale. Il problema è che poi il filmato è stato visto anche dal sovrintendente della scuola, il quale non ha trovato la cosa per niente divertente e ha denunciato il giovane cantante.

Emory, arrestato e rilasciato su cauzione (5.000 dollari) rischia ora una condanna per aver prodotto materiale pedopornografico, che può costargli fino a 20 anni di prigione.

L'udienza preliminare è fissata per il 2 marzo; fino alla conclusione del processo il cantante non può tenere concerti né avvicinarsi a dei bambini.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google, un super-database per combattere la pornografia infantile

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 24)

Coraggio! :squeeze:
3-3-2011 18:03

Ok! Ok! la libertà di parola non si discute, solo che talvolta mi coglie lo sconforto. :old: Leggi tutto
3-3-2011 17:52

:malol: Zorro, hai dimenticato "utenti di Zeus News tutti liberi di dire la propria, anche sparando cazzate madornali, salvo poi beccarsi dagli altri utenti, strigliate con setole di Smilondonte (tigre dai denti a sciabola), innestate su zanne di Mammouth lanoso." Altro che pennelli Cinghiale! :twisted:
3-3-2011 15:34

e dagli! americani tutti idioti, inglesi tutti finocchi! italiani tutti mafiosi! tedeschi tutti coglionazzi! Ottima capacità di giudizio molto articolata! Aaah! Dimenticavo! Francesi tutti sbruffoni e russi tutti ubriaconi! :old: Leggi tutto
3-3-2011 15:25

gli americani sono tutti idioti, indistintamente! infatti da parassiti imperfetti stanno uccidendo il sistema che li nutre, dopodiché morranno anche loro.... :roll: Leggi tutto
3-3-2011 15:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, gli autovelox e i sistemi automatici di rilevamento...
Contribuiscono a rendere più sicure le strade.
Sono dei mangiasoldi utilizzati senza ritegno dalle amministrazioni locali.
Vanno evitati e contrastati con tutte le tecnologie a disposizione.

Mostra i risultati (7712 voti)
Ottobre 2021
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 24 ottobre


web metrics