Red Hat: I troll dei brevetti? Meglio pagare che combatterli

La famosa distribuzione Linux preferisce accordarsi piuttosto che affrontare una lunga battaglia. Almeno in certi casi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-05-2011]

I troll dei brevetti sono certamente una seccatura e in un mondo perfetto non esisterebbero nemmeno, ma a volte le energie e il tempo spesi nel combatterli sono sprecati: si fa prima a pagarli, specialmente se le loro richieste sono tutto sommato contenute.

È questa l'opinione di Jim Whitehurst, CEO di Red Hat, che con i troll dei brevetti ha a che fare da tempo: «Quando crediamo che questa gente stia davvero abusando del sistema dei brevetti, e riteniamo che il loro brevetto non sia valido e non si sarebbe mai dovuto concederlo, allora li combattiamo».

In caso contrario «quando si tratta di pochi soldi, allora per dirla con franchezza è meglio accordarsi che combatterli».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Penso che sarebbe veramente giunto il momento di mettere mano alle regole ed alle leggi che governano il sistema dei brevetti in modo da annullare questa aberrazione che si Ť prodotta a causa dei Troll dei brevetti. Ad esmpio chi tenta di depositare un brevetto si impegna a sfruttarlo commercialmente immettendo sul mercato dei prodotti... Leggi tutto
14-5-2011 15:37

{utente anonimo}
Di male in peggio!Così adesso le distro che pagano i troll, con la scusa che "noi paghiamo e voi no" si sentiranno in diritto di pretendere che quelle che si rifiutano di farsi estorcere prezioso $ rimuovano le funzionalità o paghino anche loro.
9-5-2011 11:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I tuoi sogni sono a colori o in bianco e nero?
A colori
In bianco e nero
In 3d, anche senza occhialini
Un po' come capita

Mostra i risultati (1696 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 4 dicembre


web metrics