La Francia censura Facebook e Twitter in TV

Una legge del 1992 vieta di pronunciare i nomi dei social network più famosi: sarebbe pubblicità occulta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-06-2011]

Francia Facebook Twitter TV radio legge 1992

Sebbene i social network siano molti, la maggior parte degli internauti conosce solo Facebook; nonostante il microblogging non sia un'esclusiva di Twitter, è lì che si rivolgono i pensieri di chi vuole condividere brevi frasi.

Si tratta di un'associazione che risente della fama dei due maggiori servizi e che, pur facendo forse un torto ad altre piattaforme altrettanto valide ma meno conosciute, è estremamente naturale, così come per tantissimi utenti c'è poca o nessuna differenza tra Internet e Internet Explorer.

Tutto ciò rappresenta però un problema grave, almeno per le televisioni francesi: chi durante una trasmissione televisiva o radiofonica cita Facebook e Twitter per intendere in generale i social network non solo fa torto alla concorrenza, ma contravviene addirittura a una legge.

Esiste infatti una norma, emanata nel 1992, che vieta la pubblicità occulta. Ebbene, secondo il Conseil Superieur de l'Audiovisuel citare i due nomi più famosi per riferirsi genericamente a tutte le reti sociali viola detta norma e costituisce un «trattamento preferenziale» a favore di Facebook e Twitter.

«Perché dare la preferenza a Facebook, che vale miliardi di dollari» - si chiede Christine Kelly, portavoce del CSA - «quando ci sono molte altre reti sociali che si battono per il riconoscimento? Sarebbe una distorsione della concorrenza. Se permettiamo a Facebook e Twitter di essere citati in onda, apriamo un vaso di Pandora. Altre reti sociali infatti si lamenterebbero dicendo: "Perché non noi?"».

Ecco dunque che d'ora in avanti tutte le trasmissioni, televisive o radiofoniche (compresi i telegiornali), non potranno più citare i due servizi a meno che non rappresentino l'argomento esatto di cui si sta discutendo.

Nessuno potrà più dire «Seguiteci su Facebook» ma dovranno limitarsi a un generico «Seguiteci sui social network».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Ah ecco era molto semplice... :oops: Io però li ho sempre chiamati "carta assorbente" e "fazzoletti di carta" forse è perciò che non ci ero arrivato... O almeno spero altrimenti è grave... :basta: Leggi tutto
10-6-2011 21:04

...o un Kleenex...
9-6-2011 22:58

Mai detto. . "Mi passi uno Scottex?" 8)
9-6-2011 19:02

Scusa, ma temo sia troppo fine per me... :oops: Leggi tutto
9-6-2011 18:54

Si. ma quantomeno, questi termini non sono ufficialmente pubblicizzati in luoghi istituzionali e mezzi di informazione ma solo nel gergo comune. E questa differenza è sostanziale.
9-6-2011 15:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1742 voti)
Ottobre 2020
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Tutti gli Arretrati


web metrics