23.000 siti internet italiani bucati negli ultimi tre anni

In Italia l'85% delle aziende è vulnerabile ad attacchi informatici, nel triennio 2008-2010 danni per 24 milioni di euro. Aumentano i casi di spionaggio industriale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-07-2011]

hacker 2011

Nel triennio 2008-2010 ben 22956 siti internet di aziende e istituzioni italiane sono stati "bucati" da attacchi informatici, operazioni che hanno generato danni per 24 milioni di euro, secondo le stime di Maglan Group.

"Il dato è sconcertante" - ha commentato Paolo Lezzi - "ma, a fronte di un'attenta analisi dei risultati dei penetration test da noi effettuati negli ultimi 48 mesi unitamente alle statistiche elaborate dai nostri laboratori, possiamo affermare che una percentuale considerevole delle aziende italiane, pari circa all'85%, risulta essere vulnerabile ad attacchi informatici e a forte rischio di penetrazione interna da parte di hacker professionisti e organizzazioni criminali specializzate nello spionaggio industriale computerizzato".

Configurazioni non sufficientemente sofisticate dei sistemi di difesa per la protezione dei dati e scarso o discontinuo monitoraggio di reti, sistemi e applicazioni possono essere fonte di gravi danni economici e di immagine per le imprese.

La maggiore percentuale delle intrusioni via web (circa l'80%) sono state registrate solo nel 2010, una tendenza che rispecchia l'andamento di altri paesi europei e che indica un notevole aumento dei casi rispetto al biennio precedente.

Circa il 60% dei sistemi operativi penetrati sono di origine Linux ed i restanti Microsoft, nonostante la messa in sicurezza di questi sistemi operativi possa garantire generalmente un buon livello di protezione.

Le aziende e le istituzioni italiane colpite da intrusioni informatiche hanno subito danni consistenti quantificabili in una risorsa umana/giorno per un costo totale medio di 750 euro/giorno; quelle che hanno cercato di individuare le cause dell'attacco (il 15%) e che hanno preso serie contromisure di sicurezza hanno registrato una perdita stimabile di 5 risorse/giorno con un costo medio di circa 850 euro/giorno.

Da gennaio a giugno 2011 sono stati registrati circa 15000 tentativi di penetrazione di siti web italiani e le previsioni per fine anno stimano che le perdite attribuibili a danni originati da intrusioni sui siti internet raggiungeranno un totale di 9,5 milioni di euro.

Con il costante aumento della quantità di informazioni trasmesse e diffuse via Internet è cresciuto constestualmente anche il rischio di sottrazione di dati commerciali, di violazione della privacy e di intrusione nelle reti aziendali anche da parte di organizzazione specializzate nello spionaggio industriale computerizzato. Gli esempi, come dimostrano le cronache più recenti, abbondano e saranno destinati ad aumentare in futuro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Grazie per aver spiegato la distinzione tra sicurezza del server e quella dei siti e le pagine che ospita è un argomento interessante.
28-7-2011 05:02

Una macchina mal configurata (nel senso più ampio del termine) è mal configurata, linux, windows, pollo o pluto che sia. Però distinguete tra il violare un server e il bucare un sito. Uno può avere il server più sicuro al mondo (inteso come sistema operativo e come configurazione) così come il webserver migliore al mondo ma se, lo... Leggi tutto
27-7-2011 17:34

Non sono un esperto di web server però penso sia plausibile avere risultati scadenti anche con linux se mal configurato, non aggiornato ecc. dipende da quello che ci si fa girarare sopra e da come si configura. Ad esempio recentemente abbiamo letto di come molti server del violato playstation network di sony usassero vecchie versioni... Leggi tutto
27-7-2011 11:55

{pierre}
anche in questo campo i dati trasmessi, a mio avviso, sono "manipolati".. in primis proprio il discorso linux certamente più sicuro ed efficace di windows; dire che il 60% dei computer bucati siano linux.. non mi convince... tenete quindi conto anche delle manipolazioni di bill sulle informazioni...
27-7-2011 08:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il prodotto più obsoleto tra questi?
Il lettore DVD da salotto: sta per fare la fine del videoregistratore VHS.
L'iPod: ormai la musica si ascolta con lo smartphone.
Il Blackberry: ha pochissime app, ormai ha fatto il suo tempo.
Angry Birds: ormai la moda è passata.
Un telefonino che non sia smartphone: esistono ancora?
L'auricolare Bluetooth: è bruttissimo a vedersi.
Lo smartwatch, per lo meno quelli di prima generazione: brutti e limitati.
Il Nintendo Wii: non può competere con l'Xbox One e la PS4.

Mostra i risultati (2096 voti)
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 settembre


web metrics