Mercedes-Benz, mille chilometri con un pieno di idrogeno

La Mercedes F125! può raggiungere i 220 km/h e funziona anche a batterie.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-09-2011]

Mercedes-Benz F125! idrogeno 1000 km

In attesa delle auto a energia nucleare, Mercedes-Benz decide di puntare su quelle a idrogeno.

Al Salone dell'Auto di Francoforte, che durerà dal 15 al 25 settembre, la Casa tedesca presenterà la F125!, una concept car a idrogeno basata sulla tecnologia delle pile a combustibile.

Queste alimentano quattro motori elettrici in grado di erogare una potenza di 213 CV che permette di raggiungere i 220 km/h passando da 0 a 100 km/h in 4,9 secondi.

Con un pieno di idrogeno (conservato in un serbatoio in fibra di carbonio alla pressione di 700 bar), la Mercedes F125! è in grado di percorrere 1.000 km, con un consumo medio di 0,79 kg di idrogeno ogni 100 km.

______________

Sondaggio: Come sarà alimentata la tua prossima auto?
______________

Inoltre l'auto tedesca è dotata di un pacco batterie al litio (da 10 kWh) che le permette di percorrere 50 km senza attivare le celle a combustibile.

Il concept svelato a Francoforte, funzionante, serve a Mercedes anche per presentare le soluzioni estetiche verso cui intende muoversi, combinando un design futuristico e linee tradizionali.

Non è dato sapere, tuttavia, quando a Stoccarda intendano impegnarsi seriamente nella produzione di una linea di auto a idrogeno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 32)

Ciao Leggi tutto
19-9-2011 00:38

{curioso}
conosco qualcuno in mercedes che mi ha detto che entro 6-7 anni andranno in produzione e non solo con mercedes ma anche con altre marche del gruppoper ovvie ragioni non firmo
18-9-2011 12:09

{osfor}
Per Zorro (e Merlin) ed mda Zorro, riguardo questo: direi "magari", ma mi sembra improbabile. Un "pacco batterie" per un'auto costa (a memoria e stando larghi) mi pare sui 20mila, ma diciamo anche 40mila euro: mi pare improbabile si possa arrivare ad un costo di 400 euro (non parliamo di 200), costa 100 euro forse... Leggi tutto
18-9-2011 12:08

{osfor}
Poiché stiamo parlando anche di fotovoltaico, vorrei citare una notizia che ho trovato a pagina 7 della rivista Altroconsumo (rivista indipendente di Associazione di Consumatori, tra l'altro priva di pubblicità) nr. 251 di settembre 2011, l'ultima. La notizia è breve, per cui "infrango il copyright" riportandola per intero,... Leggi tutto
18-9-2011 11:43

Nel suo complesso la tecnologia dell'idrogeno deve superare ancora passi importanti. Ad esempio produrre idrogeno e immagazzinarlo in maniera pulita. Produrlo con elettricità che arriva dal carbone non cambierebbe nulla... Spero si facciano passi in avanti.
18-9-2011 11:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (399 voti)
Dicembre 2020
La storia segreta di un gioiello scientifico
Microsoft brevetta la tecnologia per eliminare le riunioni inutili
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Tutti gli Arretrati


web metrics