Appello a Monti per abbattere lo spread digitale

L'Internet Governance Forum chiede al nuovo governo di attuare subito l'agenda digitale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-11-2011]

Mario monti agenda digitale igf

Mentre Mario Monti veniva nominato senatore a vita e si preparava a ricevere l'incarico di presidente del Consiglio dei Ministri, l'Internet Governance Forum 2011 di Trento gli inviava una lettera in cui ribadiva le necessità dell'Italia in tema di digital divide.

Anzi, pare che ormai non si debba parlare più di digital divide ma di spread digitale, mutuando il termine usato dagli economisti per definire il differenziale di rendimento tra i BTP italiani e i bund tedeschi.

Il concetto, in effetti, è lo stesso: rispetto ad altri Paesi europei l'Italia mostra un ritardo - nello sviluppo delle infrastrutture e nel diffondersi di una "cultura digitale" - decisamente tangibile, ed è tempo di mettervi mano. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Hai fiducia nel governo di Mario Monti, l'uomo che fece condannare Microsoft dall'antitrust?
Sì, penso che sia l'uomo giusto per rimettere a posto l'Italia - 53.7%
No, meglio andare a votare e avere un governo "politico" - 37.3%
Non ho una mia opinione - 9.0%
  Voti totali: 1440
 
Leggi i commenti (72)
«Nonostante i ritardi, l'economia digitale rappresenta già il 2% del PIL dell'economia nazionale» - si legge nella lettera - «e, negli ultimi 15 anni, ha creato oltre 700.000 posti di lavoro. Internet non può essere più ignorata».

Né è pensabile rimandare ogni intervento a quando la crisi sarà passata, e non solo perché per allora il divario non farà che diventare più profondo: sviluppare la Rete avrebbe un effetto benefico sull'intera economia italiana.

Per questo l'IGF chiede che il governo «si impegni concretamente, anche attraverso la nomina di un ministro se necessario, per la piena implementazione di un'agenda digitale in conformità con quanto stabilito dall'Europa».

Oltre all'attuazione dell'agenda digitale, la lettera si sofferma a ricordare la necessità di garantire la neutralità della Rete e di definire «la conoscenza come bene comune globale».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

{piero}
Non solo internet, c'è anche il mancato riconoscimento della lingua italiana in ambito europeo, un fatto altamente discriminante per chi è il promotore dell'unione europea. Tutti i prodotti stranieri che entrano in italia devono riportare la traduzione ANCHE nella nostra lingua, sopratutto i software per computer, poi... Leggi tutto
17-11-2011 06:38

Te ne accorgerai nel mingere, diceva il socio di Dulcamara. Leggi tutto
15-11-2011 08:34

Se leggi l'ultima "manovra per la ripresa dell'economia" ti viene da ridere!!! NON ESISTE NESSUNA NORMA VALIDA PER LA RIPRESA! :lol: :lol: Ciao Leggi tutto
14-11-2011 16:42

Un altro degli innumerevoli fallimenti del governo uscente, il governo "delle tre I", di cui una era per l'appunto Internet, coi risultati visti... Ah no, scusate, mi smentisco da solo. Anzi, mi dichiaro autofrainteso. In ottemperanza al nuovo clima politico di collaborazione che deve circondare il nascituro governo di... Leggi tutto
14-11-2011 14:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è tra questi il motivo più importante per connetterti e utilizzare una rete Wi-Fi pubblica?
Per poter usare Google Maps o altri servizi di Gps.
Nel caso in cui qualcuno debba mettersi in contatto urgentemente con me.
Per non consumare il mio piano dati.
Per poter utilizzare un social network come Facebook, Instagram, Snapchat o altri.
Per rimanere in contatto con i miei contatti di lavoro (il capo, i clienti, i colleghi ecc.).
Per utilizzare i servizi di streaming come Netflix, Google Music e simili.
Per consultare il mio conto corrente online / carte di credito / informazioni finanziarie.
Per rimanere in contatto con i miei figli / parenti.
Per usare o aggiornare le mie app di dating online.

Mostra i risultati (1297 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 giugno


web metrics